Lazio in zona gialla? Cosa cambia, perché rischia e da quando

Martino Grassi

26/07/2021

26/07/2021 - 12:09

condividi

Il Lazio tornerà in zona gialla? Secondo una nuova previsione dell’Istituto Superiore di Sanità il cambio colore è previsto entro la fine dell’estate. Ecco perché rischia, da quando e cosa cambia.

Lazio in zona gialla? Cosa cambia, perché rischia e da quando

Il Lazio tornerà in zona gialla? Dopo diverse settimane in cui tutta l’Italia è riuscita a rimanere in zona bianca adesso in alcune regioni torna lo spettro del passaggio ad una fascia caratterizzata da un rischio maggiore e dell’inasprimento delle restrizioni.

Il governo ha deciso di rivedere i parametri che sanciscono il cambio colore e se per il momento nessuna regione sembra rischiare il passaggio nella zona gialla, la situazione per il Lazio potrebbe cambiare entro la fine dell’estate. Vediamo da quando potrebbe tornare la zona gialla, cosa cambia e quali sono gli indicatori da tenere sott’occhio.

Lazio in zona gialla? Perché rischia e da quando

Nel giro di poche settimane il Lazio potrebbe dover tornare a fare i conti con la zona gialla. Negli ultimi giorni è stata la regione con più contagi a livello nazionale, nonostante ciò l’incidenza dei nuovi casi non è più un fattore rilevante per il passaggio di colore e fortunatamente al momento la situazione degli ospedali sembra essere sotto controllo e in linea con la media nazionale.

Tuttavia il costante incremento delle nuove infezioni potrebbero iniziare ad avere delle conseguenze anche sul numero di posti letto occupati negli ospedali del Lazio, facendo quindi passare la regione nella zona gialla. La previsione arriva direttamente dai dati dall’Istituto superiore di sanità (Iss), presentati dal presidente Silvio Brusaferro. Al momento dunque il Lazio sembra essere l’unica regione che rischia un nuovo cambio di colore entro poche settimane.

Si stima infatti che entro il 20 agosto la percentuale di posti letto occupato nelle terapie intensive supererà la soglia del 10% fissata dal governo, addirittura potrebbe arrivare a sfiorare il 20%, facendo temere il ritorno in zona arancione. Va comunque precisato che quelle dell’Istituto Superiore di Sanità sono solamente delle proiezioni statistiche e dunque non è possibile sapere con certezza quale sarà il destino del Lazio.

Lazio in zona gialla: cosa cambia?

A partire dal 21 giugno è ufficialmente decaduto il coprifuoco in tutto il Paese e dunque un eventuale ritorno nella zona gialla non prevederebbe delle limitazioni orarie per le uscite.

Il passaggio nella fascia di rischio successiva però comporterebbe delle nuove restrizioni da dover rispettare, come l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto e per quanto riguarda i bar e ristoranti torneranno ad esserci delle limitazioni sul numero di persone che possono sedersi allo stesso tavolo, stessa cosa anche per matrimoni e cerimonie. Inoltre a partire dal 6 agosto in tutta Italia, anche in zona bianca, sarà obbligatorio il green pass per accedere a diverse attività, come bar e ristoranti, ma anche musei e cinema.

Argomenti

# Lazio

Iscriviti a Money.it