Lavoro, UE: la crisi affossa i PIGS, in Germania 1,8 milioni di posti in più

Nel pieno della crisi, tra il 2008 e il 2014, i Paesi del Sud Europa, i PIGS, hanno perso milioni di posti di lavoro. In controtendenza la Germania, dove si registrano 1,8 milioni di posti di lavoro in più.

Sono 1,2 milioni gli italiani che hanno perso il posto di lavoro negli ultimi 6 anni. Lo dice il Rapporto sul lavoro e sviluppo elaborato dalla Commissione UE.

Anche altri Paesi del sud Europa, tra cui i cosiddetti PIGS, hanno subito gravi danni nel settore dell’occupazione e dell’economia in generale nel periodo compreso fra il 2008 e il 2014, specialmente se li si confronta con la Germania che, al contrario, ha creato 1,8 milioni di posti di lavoro in più.

Spagna Vs Germania

La Spagna, ad esempio, ha una situazione peggiore di quella italiana: ha perso 3,4 milioni di posti di lavoro nello stesso periodo.

Nel 2007 c’erano circa le stesse percentuali di disoccupazione presenti in Germania: nella prima 8,2%, nella seconda 8,6%.

Oltre che con le percentuali di disoccupazione, è possibile esprimere la salute dell’economia di un Paese con una percentuale che indica il rapporto fra debito pubblico e PIL. Più il numero è basso, più l’economia prospera.

In Spagna nel 2007 la percentuale debito/PIL era del 35%, una situazione migliore di quella tedesca (63%).

Nel 2015 le parti si sono invertite: in Spagna la percentuale è molto superiore (99%), mentre in Germania si attesta intorno al 70%.

Gli investitori ora pensano alla Germania come ad un Paese dall’economia forte e stabile, mentre cominciano a guardare la Spagna come a una possibile nuova Grecia, uno Stato candidato al default.

Insomma, la sensazione è che Spagna e Germania siano partite da una condizione economica e di disoccupazione simile, ma che le conseguenze derivanti dalla crisi siano state molto differenti fra loro. Probabilmente perché la crisi è stata gestita in modo differente, facendo dell’uno il Paese più forte dell’Unione e dell’altro uno dei più deboli.

Disoccupazione: la situazione nei PIGS

La classifica attuale dei Paesi UE, in termini di disoccupazione, è la seguente (si tenga presente che la Germania vanta un tasso di disoccupazione di appena il 5%):

  • Grecia 25%;
  • Spagna 23%;
  • Portogallo 13%;
  • Italia 12,5%.

Debito/PIL: PIGS Vs Germania

Ecco invece la percentuale, relativa al 2015, che indica il rapporto fra debito e PIL in un confronto che vede protagonisti la Germania e i Paesi UE che si affacciano sul Mediterraneo:

  • Germania 70%;
  • Grecia 172%;
  • Italia 134%;
  • Portogallo 126%;
  • Spagna 99%.

Come detto sopra, questo rapporto, se basso, indica un buono stato di salute dell’economia e la Germania sembra essere in perfetta forma.

PIGS e Germania: un rapporto contrastato

Come molti sanno, alcuni dei Paesi UE che si affacciano sul Mediterraneo sono detti PIGS, sia perché l’acronimo indica Portogallo, Italia, Grecia, Spagna, ma anche perché sono considerati dei pigs (maiali in italiano), cioè degli sfruttatori che vivono alle spalle dei Paesi dell’Europa continentale, non riuscendo a raggiungere gli standard economici richiesti dall’UE.

Alla luce di ciò sembra molto strano che la Germania, appunto Paese continentale, non abbia subito la stessa sorte, se è vero che ha dovuto subire la zavorra dei PIGS.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories