L’allarme crisi energetica e le dinamiche del mercato libero: cosa cambierà per i consumatori

Redazione

04/05/2022

04/05/2022 - 15:01

condividi

Caro bollette, incertezza e diminuzione delle offerte a prezzo fisso da parte dei fornitori. Selectra Italia ci aiuta a capire come fronteggiare questi avvenimenti.

L'allarme crisi energetica e le dinamiche del mercato libero: cosa cambierà per i consumatori

La delicata situazione geopolitica, influenzata soprattutto dai recenti avvenimenti bellici, macroeconomici e da quelli legati alla pandemia, ha comportato un’impennata dei prezzi di luce e gas. Fattore che si riflette negativamente non solo sulla crescita economica nazionale e internazionale, ma che danneggia direttamente milioni di consumatori.

Grazie a Selectra Italia, l’azienda che dal 2015 informa i clienti finali e li aiuta a scegliere le migliori offerte di luce, gas e anche internet, andremo ad analizzare più da vicino questi eventi fornendo spunti di riflessione e azioni concrete volte a tutelare gli utenti del mercato energetico.

Intervista a Niccolò Carlieri: il punto della situazione sul mercato energetico in Italia

Niccolò Carlieri Niccolò Carlieri - co-fondatore di Selectra Italia

Per vederci chiaro abbiamo intervistato Niccolò Carlieri, co-fondatore di Selectra Italia, che ci ha aiutato a capire meglio cosa sta accadendo sul mercato energetico e cosa dovremmo aspettarci nel prossimo futuro.

D: In questo particolare momento di preoccupazione e stagnazione economica, si registra una forte diminuzione delle offerte a prezzo fisso da parte dei fornitori energetici. Quali sono le cause di questo fenomeno e quali conseguenze può avere sui consumatori finali?

R: La riduzione del parco offerte a prezzo fisso, e quindi della scelta per i consumatori, è dovuta alla crisi energetica in corso: dopo un periodo molto complesso caratterizzato dalla crescita vertiginosa dei prezzi del gas, e quindi dell’energia elettrica, con l’arrivo della primavera il settore si aspettava se non un ritorno alla normalità, almeno un calo significativo dei prezzi. La guerra in Ucraina ha scombussolato tutte le carte e ha reso impossibile qualsiasi previsione non solo a lungo, ma anche a medio termine. I prezzi sono saliti ulteriormente e dimostrano una dinamica poco prevedibile. In questo contesto è chiaro che i fornitori fanno fatica a proporre ai clienti offerte a prezzo bloccato, inoltre, tra le poche offerte ancora disponibili è sempre più difficile, anche se ancora possibile, trovare quelle convenienti.
Con le offerte a prezzo variabile, detto anche indicizzato perché, legato agli indicatori del mercato all’ingrosso, oggi si possono ottenere dei prezzi mediamente più vantaggiosi, ma se i mercati dovessero salire ulteriormente, i consumatori si ritroveranno con ulteriori rincari in bolletta. Se invece il mercato dovesse scendere nei prossimi mesi - che è uno scenario molto probabile e che ci auguriamo tutti - le bollette di chi ha scelto un’offerta indicizzata si ridurranno di conseguenza. Quindi è una scelta più rischiosa rispetto al prezzo fisso, ma che potrebbe rivelarsi anche più vantaggiosa.

D: La crisi energetica è uno degli argomenti più discussi sia a livello nazionale che internazionale. Ma cosa indica precisamente questo termine e quanto a lungo potrebbe durare?

R: Per crisi energetica si intende un mercato di gas e energia elettrica caratterizzato da prezzi molto alti e dinamiche poco prevedibili, che inevitabilmente si riflettono sui costi in bolletta dei consumatori. L’attuale crisi era inizialmente dovuta ad una serie di fattori globali legati anche all’emergenza COVID, è stata ulteriormente peggiorata dalla guerra in Ucraina. Quanto durerà questa situazione? Questa è una domanda da un milione, anzi, da miliardi di dollari. Purtroppo, oggi non è possibile fare nessun tipo di previsioni minimamente attendibili, ma si spera che nel medio termine i prezzi potranno scendere.

D: Lo studio “Un maglione per l’Ucraina” condotto da Selectra Italia ha messo in risalto - tra gli altri - un aspetto molto importante, quello delle abitudini di consumo individuali dell’energia. Quali sono gli accorgimenti più importanti da mettere in atto per risparmiare in bolletta e salvaguardare la salute del nostro Pianeta?

R: Abbiamo calcolato che abbassando le temperature del termostato di 3°C nel periodo invernale in tutta Europa si rinuncerebbe ad almeno il 16,5% delle importazioni russe di gas naturale e permetterebbe di ridurre le emissioni di CO2 di 61,9 milioni di tonnellate all’anno. Adesso, con l’arrivo dell’estate, il discorso si ripropone, ma nel senso opposto: con l’accensione dei condizionatori le temperature impostate non devono essere troppo basse per non sprecare l’energia elettrica. Sembrano dettagli di poco conto, ma ognuno di noi può contribuire a questo sforzo collettivo con dei piccoli gesti quotidiani, che fanno bene sia all’ambiente sia ai nostri portafogli. Basterebbe fare più attenzione ai consumi, gestendo al meglio gli elettrodomestici (lavatrice e lavastoviglie a pieno carico e in modalità eco, evitando il prelavaggio e l’asciugatura ecc), scegliendo le lampadine a led e gli elettrodomestici di una classe energetica alta, facendo attenzione ad impostare le temperature moderate dei termostati, e solo negli ambienti che si frequenta, non lasciando gli elettrodomestici in stand-by. Anche la domotica può sicuramente aiutarci in tal senso, monitorando i nostri consumi in tempo reale e anche a distanza.

D: Una corretta informazione sulle dinamiche mercato energetico e sui relativi prezzi delle tariffe è sicuramente un fattore cruciale per orientarsi nella scelta del gestore più adatto alle proprie esigenze. In cosa si distingue l’impegno di Selectra nell’aiutare i consumatori a prendere scelte più consapevoli?

R: A nessuno piace occuparsi delle utenze, e sappiamo che le bollette possono sembrare poco comprensibili. Selectra nasce proprio per aiutare le persone ad informarsi sul mondo delle forniture di luce, gas e internet, rendendo il loro rapporto con le utenze di casa più consapevole e sereno. Abbiamo deciso di mettere a disposizione dei consumatori guide pratiche, approfondimenti e strumenti di comparazione, ed una consulenza telefonica gratuita. Alla base di quello che facciamo c’è la volontà di aiutare i clienti ad orientarsi nel mondo complicato delle utenze attraverso un linguaggio semplice, con l’aiuto delle tecnologie e sempre con empatia. I nostri strumenti digitali fruibili gratuitamente online, come l’algoritmo di comparazione delle offerte di luce e gas, la verifica della copertura internet o lo speed test per controllare la qualità della connessione, hanno aiutato le persone a scegliere offerte di luce, gas e internet più adatte alle loro esigenze, attivare una connessione stabile…insomma, attivare le offerte più adatte alle loro esigenze e risparmiare.

Argomenti

# Russia

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO