L’Italia è la sorpresa economica dell’Europa?

Violetta Silvestri

18 Agosto 2021 - 12:23

condividi

Italia osservata speciale in Europa: la ripresa economica nel nostro Paese sembra aver messo il turbo. Gli ultimi dati indicano una nazione in corsa. Numeri e previsioni sul Belpaese.

L'Italia è la sorpresa economica dell'Europa?

L’Italia più forte degli altri Paesi d’Europa nella ripresa economica?

La risposta non è semplice da dare, ma i dati parlano di una corsa accelerata, anche rispetto a importanti potenze del continente, Germania in primis.

Cosa hanno svelato gli ultimi indicatori macroeconomici dell’Italia e cosa aspettarsi sul rilancio post-Covid?

Italia motore d’Europa? I dati della ripresa

Il rimbalzo c’è stato e in diversi ambiti: dal PIL alla produzione industriale. Complice il tonfo dell’economia con la diffusione del Covid nel 2020, il nostro Paese sta assistendo a una ripresa per alcuni versi sorprendente.

Nel dettaglio, gli ultimi risultati Eurostat hanno indicato un Prodotto Interno Lordo in crescita del 2,7% nel secondo trimestre. Un dato ottimo per l’Italia, considerando il debole +0,2% dei primi tre mesi 2021.

Inoltre, il rialzo è tra i più significativi, con la Spagna in avanti con un +2,8%.

Non è un caso, infatti, che stime Bloomberg abbiano indicato Roma e Madrid come motori del continente, avvolte in ottimistiche previsioni. La crescita qui è stimata a un ritmo veloce come non accadeva negli anni ’70. Per la nostra nazione, si attende un +5,6%, 0,6 punti percentuali in più rispetto al sondaggio Bloomberg di luglio.

L’Italia si piazza tra i primi posti in Europa anche per l’incremento della produzione industriale nel primo semestre del 2021: il balzo è stato del 20% in confronto con i 6 mesi del 2020.

Cosa sta spingendo in alto il nostro Paese? Un effetto rimbalzo dai numeri cupi del 2020 c’è sicuramente. A questo, però, si aggiungono anche le grandi aspettative legate ai fondi del Recovery Plan.

La prima tranche di anticipo da 25 miliardi di euro è già stata inviata e il Governo Draghi si appresta a mettere in atto riforme e investimenti.

Punti di forza e di debolezza dell’Italia

In un contesto globale ancora poco rassicurante, con colli di bottiglia nell’offerta, allarme inflazione, prezzi delle materie prime in aumento e variante Delta in agguato, l’ottimismo va a di pari passo con la prudenza.

Anche per l’Italia. Il professore della Bocconi Andrea Beltratti ha spiegato al Corriere della Sera:

“C’è una parte del Paese estremamente vitale come quella dei distretti industriali che conferma una grandissima capacità manifatturiera e di esportazione. La ripresa del ciclo mondiale....ha consentito all’Italia di avere dei benefici...Le esportazioni e gli investimenti che arriveranno grazie ai fondi europei saranno fondamentali. I nostri punti forti sono proprio l’export e la capacità manifatturiera..”

E i punti deboli? Sicuramente la dimensione strutturale del Paese. E poi il vero tallone di Achille: il debito pubblico. Bankitalia ha evidenziato nel suo report un nuovo massimo.

L’Italia cresce insieme al suo indebitamento, ora dal valore di 45.000 euro per cittadino.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.