Investire nelle azioni delle big oil: sono le nuove FAANG? L’analisi

Violetta Silvestri

11 Maggio 2022 - 13:08

condividi

Petrolio volatile ma a prezzi elevati: nell’attuale contesto, perché investire nelle azioni delle big oil potrebbe essere vantaggioso. Secondo alcuni esperti sono loro le nuove FAANG. L’analisi.

Investire nelle azioni delle big oil: sono le nuove FAANG? L'analisi

In oscillazione, ma al di sopra dei 100 dollari al barile: il prezzo del petrolio resta al top e le azioni delle big oil potrebbero ancora essere attraenti per gli investitori.

Molti trader ed esperti, incluso Warren Buffett, stanno scommettendo sul fatto che le quotazioni del greggio così elevate sono destinate a durare per un po’.

È una buona intuizione, grazie al picco dei prezzi del petrolio da circa $75 al barile alla fine dello scorso anno a oltre $100 adesso. D’altronde, quasi tutti i migliori risultati dell’S&P 500 quest’anno sono titoli energetici.

In una analisi di CNN Business, ci si chiede chi ha ancora bisogno dei cosiddetti FAANG, le big tech - Facebook Meta, Apple, Amazon, Netflix e il genitore di Google, Alphabet - quando si possono possedere azioni oil in rally?

Investire nelle azioni delle big oil e lasciare le FAANG?

Il petrolio è il protagonista del momento. Alcuni numeri e performance finanziarie lo dimostrano.

L’Occidental Petroleum, sostenuto da Buffett, ha raddoppiato il prezzo, rendendolo il migliore dell’indice.
L’ETF del settore energetico di S&P è salito di oltre il 40% quest’anno. Anche Valero, Marathon Oil, Halliburton, Hess ed Exxon Mobil sono i grandi vincitori nelle Borse.

In una domanda provocatoria, l’analisi della CNN si chiede perché mai gli investitori si ostinano a volere nei loro portafogli azioni FAANG quando possono puntare su una singola azione che viene effettivamente scambiata con il simbolo del ticker FANG?

Il riferimento è alla compagnia petrolifera e del gas Diamondback Energy, che quest’anno è balzata di quasi il 25%, mentre i colossi leader del Nasdaq, un tempo ascendente, sono precipitati.

Netflix è crollato di oltre il 70%, emergendo come il più grande perdente dell’S&P 500 quest’anno. Meta Platforms è in calo di oltre il 40%.

Il dubbio sugli investimenti nel petrolio rimane: è troppo tardi per incassare dalla corsa all’oro nero? Il settore rimane incredibilmente volatile e i venditori allo scoperto stanno aumentando le loro scommesse sui titoli energetici, sperando di trarre profitto dalla possibilità di un ulteriore calo dei prezzi. Le azioni petrolifere sono state le maggiori perdenti di mercato lunedì, quando il Dow è sceso di oltre 650 punti.

Vero è che la Federal Reserve sta alzando i tassi, che potrebbero sostenere i prezzi del petrolio nel prossimo futuro, e i titoli energetici e altri settori sensibili alle materie prime potrebbero guidare il mercato per un periodo prolungato, proprio come ha fatto la grande tecnologia nell’ultimo decennio.

E finché i le quotazioni del greggio rimarranno relativamente alte, ciò fa ben sperare per i profitti dei principali produttori di petrolio, perforatori e altre società con esposizione all’oro nero.

“Dato il balzo dei prezzi del petrolio e del gas quest’anno, probabilmente non sarà una sorpresa per nessuno che il settore energetico registri la maggiore crescita degli utili per il primo trimestre”, ha affermato Wade Fowler, senior portfolio manager di Synovus Trust Company.

Altri esperti hanno notato che le compagnie energetiche statunitensi sono pronte a ricevere una spinta da molte nazioni europee che tagliano il petrolio russo a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

“Dato che la Russia rimane un paria geopolitico, il mercato si aspetta che l’Europa aumenterà la sua dipendenza dall’approvvigionamento energetico degli Stati Uniti, il che andrà a beneficio del settore energetico con sede negli Stati Uniti”, hanno affermato gli analisti del team di ricerca quantitativa di Morningstar in un rapporto alla fine del mese scorso.

Da evidenziare, Buffett sta facendo una grande scommessa sulla zona petrolifera. Il gigante Chevron, il miglior risultato del Dow quest’anno, è una delle prime quattro partecipazioni del Berkshire.

La società dell’ Oracolo di Omaha ha rivelato alla fine del mese scorso che ora possiede una partecipazione in Chevron per un valore di 25,9 miliardi di dollari, rispetto ai circa 6 miliardi di dollari alla fine del quarto trimestre.

Investimenti nel settore oil? Cosa osservare

Gli esperti ricordano comunque che i titoli energetici attualmente costituiscono solo un piccolo segmento del mercato complessivo, circa il 4,4% dell’S&P 500, secondo i dati di Bespoke Investment Group.

La tecnologia, nonostante il suo recente crollo, rappresenta ancora circa il 28% dell’indice. C’è ancora molta strada da fare per recuperare il ritardo del settore petrolifero.

Gli analisti hanno sottolineato che dopo il crollo delle azioni tecnologiche del 2000, le azioni energetiche alla fine hanno eguagliato la ponderazione della tecnologia, anche se non fino al 2008.

“Non stiamo suggerendo che l’energia sia destinata a tornare in linea con la tecnologia come ha fatto a metà degli anni 2000, quando le materie prime hanno avuto un’enorme corsa al rialzo dopo il crollo della Dot Com”, hanno scritto gli analisti di Bespoke, “ma certamente non lo è neanche impossibile.”

Argomenti

# azioni

Iscriviti a Money.it