Internet è lento: l’effetto coronavirus sulle connessioni in Italia e nel mondo

Internet va lento: l’effetto coronavirus impatta anche sulle connessioni di linea fissa e mobile che negli ultimi giorni stanno riscontrando forti rallentamenti. Ecco perché.

Internet è lento: l'effetto coronavirus sulle connessioni in Italia e nel mondo

Internet sta rallentando a causa dell’emergenza coronavirus: sono questi i dati ufficiali che provano come la quarantena che ha costretto la gran parte della popolazione a casa stia avendo il suo peso anche sulle connessioni a internet, che in questi ultimi giorni registrano una velocità inferiore rispetto al normale.

Scongiurata l’ipotesi internet down, emergono però diversi dati interessanti in merito al forte rallentamento della velocità internet che, normalmente, ci permette di navigare online tra informazione, streaming e multiplayer.

A risentire degli effetti del coronavirus sia la linea internet fissa che mobile: a rivelarlo è lo studio effettuato da Speedtest che ha di recente pubblicato i dati che evidenziano, nero su bianco, come e quanto questo periodo di quarantena stia impattando su Nord America, Europa e Italia.

Internet va lento a causa del coronavirus: i dati in Italia, Europa e Stati Uniti

Dopo che anche Mark Zuckerberg ha evidenziato come l’enorme afflusso delle videochiamate su WhatsApp e Facebook abbia fatto registrare picchi non indifferenti per le connessioni, tanto da affaticare persino i server di Facebook Inc, risulta sempre più evidente come lo stato di quarantena in diversi Paesi stia avendo effetti seri sulla velocità della connessione a internet.

Negli Stati Uniti, secondo il rapporto di Speedtest, si è passati da una velocità media per i download su banda larga di linea fissa di 140 a 133 Mpbs in una sola settimana. L’impatto si è avuto anche sulle connessioni mobile, dove si è sceso da 75 a 72 Mpbs.

L’Europa trova il suo esempio in Germania, dove la velocità media dei download per la linea fissa è passata da 103 a 93 Mpbs, mentre in Italia si è avuto un calo da 130 a 126 Mpbs.

Tutti questi dati sono relativi anche a Paesi in cui, secondo quanto riportato da Mashable USA, non erano ancora state adottate le misure restrittive attuali. L’ipotesi degli esperti è che internet possa rallentare ancora, anche a fronte delle recenti opzioni di contenimento attuate da Netflix YouTube e tanti altri (che hanno abbassato il proprio bitrate).

Perché internet va lento

C’è da preoccuparsi? Internet non cederà: in Cina, dove l’epidemia si avvia verso una naturale conclusione, si è riscontrato lo stesso fenomeno. Con il ritorno alla normalità e il diminuire delle misure di isolamento internet è tornato a respirare e la velocità media è ora in netto rialzo.

Aspettiamoci quindi alcune settimane difficili per le connessioni, con down e cali di banda sparsi un po’ in tutta Italia: di recente le linee TIM e Vodafone sono state potenziate e gli interventi per assicurare la maggiore velocità possibile non sono mancati.

Se la vostra linea internet dovesse però riscontrare dei rallentamenti non disperate, ma pazientate: i rallentamenti di linea entrano a far parte ufficialmente della quotidianità anche per quegli utenti che, fino a oggi, hanno goduto di un’ottima copertura data da zone e posizioni privilegiate.

Iscriviti alla newsletter Tecnologia per ricevere le news su Internet

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.