Account Instagram bloccato: cosa fare e come risolvere il blocco temporaneo

Redazione Tecnologia

03/06/2022

03/06/2022 - 17:25

condividi

Instagram ti ha bloccato? Il tuo account è stato sospeso e non riesci a mette mi piace? Cosa fare e come risolvere il blocco temporaneo e riattivare l’account

Account Instagram bloccato: cosa fare e come risolvere il blocco temporaneo

Bloccato su Instagram e account sospeso: il tuo profilo è stato colpito da un blocco temporaneo e non sai cosa fare? Tranquillo, non è nulla di grave: è possibile riattivare l’account Instagram seguendo una procedura semplice e non troppo complessa.

Se stai utilizzando Instagram e, tutto a un tratto, non riesci più a mettere mi piace alle foto e ai post probabilmente sei stato colpito dal cosiddetto blocco temporaneo, anche detto shadowban. Si tratta di un blocco del profilo non integrale, ma che colpisce alcune funzioni normalmente disponibili. Tra esse spiccano i like e le interazioni.

Ecco quali sono le possibili cause e cosa è possibile fare per riattivare un account Instagram bloccato.

Account Instagram bloccato: perché? Le cause

Le cause di un blocco temporaneo su Instagram possono essere molte e solitamente dipendono dalla (presunta) violazione dei limiti e condizioni imposti dal popolare social network. Il blocco è solitamente progressivo. Si focalizza infatti sulla sospensione di alcune funzioni: mettere mi piace, pubblicare un commento, seguire altre persone ed essere a propria volta seguiti. La conseguenza più grave porta invece alla sospensione totale dell’account con la rimozione dell’accesso.

Perché viene bloccato l’account? Non c’è una unica ragione specifica. Spesso però sono colpiti i profili che utilizzano alcune app per aumentare i follower e i like su Instagram (attraverso i bot).

Il social prevede infatti un numero massimo di like, commenti, follow eseguibili contemporaneamente: superando questo limite potresti imbatterti facilmente in un’apposita notifica di Instagram, che illustra l’attivazione di un blocco temporaneo. Anche senza questo tipo di aiuto tecnologico, però, è bene tenere a mente che la piattaforma prevede limiti orari obbligatori per ogni azione. Chi sgarra, anche manualmente, rischia di incorrere nella sanzione.

Blocco temporaneo su Instagram: cosa fare e quanto dura

Il messaggio visualizzato è solitamente il seguente:

Sembra che tu stia usando in modo errato questa funzione andando troppo velocemente. Ti è stato temporaneamente impedito di usarla. Limitiamo alcuni contenuti e azioni per proteggere la nostra comunità. Inviaci una segnalazione se pensi che si tratti di un errore.

A questo segue la possibilità di ignorare la notifica o di inviare un messaggio direttamente all’assistenza Instagram, spiegando il problema. Il blocco temporaneo mette in una sorta di quarantena il tuo profilo, a cui vengono inibite alcune funzioni per le successive 24 ore.

Importante precisazione: non per forza le 24 ore sono tassative, e il tempo di attesa potrebbe essere leggermente inferiore o superiore. Sconsigliato, dunque, attendere «l’ora x» con il cronometro in mano.

Il sistema si attiva per tutelare il social nei confronti di bot e app che hanno lo scopo di aumentare facilmente like e follower. Questione, quest’ultima, che nel tempo è diventata sempre più cara a Instagram. A volte, però, il blocco temporaneo può arrivare anche se semplicemente si utilizza troppo la app.

Ciò può avvenire, per esempio, se iniziamo a seguire (anche manualmente) più di 60 profili in un’ora. Oppure se mettiamo in poco tempo un numero di «mi piace» talmente elevato da oltrepassare il numero standard imposto dalle linee guida. Un modo per «farsi riconoscere» come persona reale è accedere al profilo tramite il proprio account su altri social network, ad esempio Facebook. Da evitare la pubblicazione eccessiva dello stesso commento su diversi profili: può sembrare effettuata da un bot.

Di base, però, Instagram calcola anche lo «storico» delle nostre attività. Interviene dunque se queste cambiano in maniera anomala, crescendo in maniera esponenziale. Restano però alcune linee guida che è consigliatissimo rispettare. Ogni profilo nuovo (creato da meno di 3 mesi) è tenuto a restare nei limiti dei 150 follow o unfollow al giorno almeno per la prima settimana, crescendo poi di 30/40 ogni sette giorni fino a un massimo di 240. Oltre i mille follower, il limite si sposta a 500. Se lo si oltrepassa, il sistema capta qualcosa che non va. Questo attiva quindi i campanelli d’allarme, e chiaramente più spesso avviene maggiori sono i rischi di incorrere in una sanzione più severa.

Proprio per questo il blocco temporaneo su Instagram ha una durata approssimativa di 24 ore, ma è possibile che l’account subisca una variazione maggiore se viene più volte bloccato dall’app: in questo caso si arriva anche a 48 o 72 ore di ban.

In casi estremi si può addirittura arrivare alla sospensione definitiva dell’account o alla sospensione del log in.

Instagram bloccato: come risolvere e riattivare l’account

Il consiglio generale è sempre quello di non consentire l’accesso al nostro account ad app di terze parti pensate per agire al nostro posto. I bot, che spesso agiscono deliberatamente pubblicando anche spam nei commenti, sono tra le principali cause dietro a un blocco temporaneo su Instagram. La piattaforma li combatte sia per un «inquinamento» dell’esperienza di navigazione più genuina, ma soprattutto perché questo provoca importanti cali negli investimenti pubblicitari.

In caso di sospensione dell’account bisogna attendere il tempo necessario per la riattivazione. Per casi più gravi invece, con un blocco totale dell’account, è necessario ricorrere all’assistenza Instagram.

È possibile contattare Instagram in fase di log in, anche se l’account risulta bloccato, compilando il form automatico che comparirà al posto della home una volta inserite le credenziali di accesso. Qui si avrà la possibilità di spiegare e inviare le proprie ragioni direttamente al social network che valuterà la segnalazione e, in caso di errore, provvederà a riattivare l’account sospeso ingiustamente.

In alternativa si può fare riferimento anche al centro di assistenza ufficiale di Instagram, che possiede una propria pagina ufficiale dove vengono spiegate e illustrate le soluzioni a problematiche di natura varia.

Se si hanno problemi ad accedere puoi fare rifermento via mobile che Pc alla voce “Risoluzione dei problemi e guida per l’accesso”.

Argomenti

# App

Iscriviti a Money.it