“Insieme”, ecco il movimento di Conte per fare a meno di Renzi?

Alessandro Cipolla

13 Gennaio 2021 - 08:55

14 Gennaio 2021 - 11:51

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Secondo Radio Popolare sarebbe stato depositato nome e marchio di Insieme, il possibile nuovo partito di Giuseppe Conte che andrebbe a sostituire Italia Viva di Matteo Renzi, anche se da Palazzo Chigi è arrivata una smentita.

“Insieme”, ecco il movimento di Conte per fare a meno di Renzi?

Si chiamerebbe Insieme il nuovo movimento politico di Giuseppe Conte che, vista l’imminente crisi di governo, potrebbe racchiudere i vari responsabili pronti a sostituire al Senato i renziani in caso di uno strappo di Italia Viva.

Questa è l’indiscrezione, subito comunque smentita da Palazzo Chigi, lanciata nelle convulse ore di ieri da Radio Popolare. “A quanto risulta - ha fatto sapere tramite una nota l’emittente - Giuseppe Conte è andato nei giorni scorsi da un notaio romano e ha depositato nome e marchio del suo nuovo movimento politico. Il nome sarà Insieme”.

Un passo questo di un nuovo movimento che dovrebbe essere necessario visto che, nel caso di un cambio nella maggioranza giallorossa, il Quirinale vorrebbe che gli eventuali responsabili si riunissero in un gruppo parlamentare senza presentarsi in ordine sparso.

Il nome di Insieme non è comunque la prima volta che circola tra i corridoi di Palazzo: già lo scorso aprile, nel pieno della prima ondata del Covid, si parlava di questo movimento legato a Conte pronto a palesarsi in Parlamento.

Insieme: ecco il movimento di Conte?

Quando a fine 2019 l’ex ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti si è dimesso, uscendo anche dal Movimento 5 Stelle per passare alla Camera al Gruppo Misto, i rumors parlavano di una possibile base per la costruzione di un nuovo partito di ispirazione ambientalista.

A stretto giro infatti diversi altri parlamentari 5 Stelle hanno deciso di lasciare i lidi pentastellare per approdare al Misto, tanto che ancora adesso ci sarebbe un manipolo di deputati e senatori in attesa di novità politiche.

L’emergenza coronavirus ha però stravolto ogni discorso di tattica politica, stoppando pure le machiavelliche trame di Matteo Renzi che all’epoca stava usando il tema della prescrizione come grimaldello stava cercando di fare le scarpe al premier.

Proprio in quest’ottica si è iniziato così in primavera a parlare di un possibile partito che faccia capo a Giuseppe Conte, che in Parlamento potrebbe poi contare sui fuoriusciti del Movimento 5 Stelle per fare un proprio Gruppo.

Lo scorso aprile Libero è tornato sull’argomento, svelando quello che sarebbe il nome di questa nuova forza politica, Insieme con Conte, che andrebbe a posizionarsi all’interno della coalizione di centrosinistra.

Il prossimo partito non potrà che essere nativo digitale - si legge nell’articolo di Luigi Bisignani - portandosi avanti sull’ imminente mutazione genetica del Movimento 5 Stelle in quello personale del premier, strizzando l’occhio al centro, in una sorta di Ulivo 2.0 che dovrebbe chiamarsi Insieme con Conte”.

I responsabili per fare a meno di Renzi

Diversi mesi dopo ecco che si ritorna a parlare di Insieme con Radio Popolare che, pur smentita da Palazzo Chigi, ha fatto sapere come il nome e il marchio siano già stati registrati.

Una accelerazione che sarebbe dovuta al precipitare degli eventi, vista la crisi politica che Matteo Renzi sarebbe pronto a innescare: per poter andare avanti anche senza Italia Viva, serve un nuovo gruppo parlamentare pronto a sostituire i renziani a Palazzo Madama.

Oltre ai fuoriusciti del Movimento 5 Stelle attualmente presenti nel Gruppo Misto, potrebbero unirsi in questo nuovo movimento anche alcuni senatori centristi, ma si parla di un possibile appoggio pure di pezzi di Forza Italia.

Se quanto dichiarato da Radio Popolare fosse veritiero, questo vorrebbe dire che Giuseppe Conte avrebbe già pronta la sua carta da giocare in caso di una crisi di governo: a questo punto tutto è nella mani di Matteo Renzi, per un ennesimo teatrino politico che si sta consumando nel pieno di una pandemia.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories