Il Governo crea campi container per malati di Covid-19 e NoVax? È tutta una bufala (e vi spieghiamo perché)

Alessandro Gregori

8 Aprile 2021 - 17:28

condividi
Facebook
twitter whatsapp

In rete circola una teoria del complotto intorno a un bando Consip per “l’allestimento di campi container per l’assistenza della popolazione in caso di eventi emergenziali”. Peccato che ci sia ben poco di vero in quello che si racconta. E che si tratti di una normale procedura che si ripete periodicamente.

Il Governo crea campi container per malati di Covid-19 e NoVax? È tutta una bufala (e vi spieghiamo perché)

Da qualche giorno in rete circola un’interessante teoria del complotto intorno a un bando Consip per l’allestimento di campi container “per l’assistenza alla popolazione in caso di eventi emergenziali”. I fatti: Consip il 24 marzo scorso ha pubblicato sul suo sito e sulla Gazzetta Ufficiale un bando per “l’allestimento di campi container” che serviranno per “l’assistenza della popolazione in caso di eventi emergenziali”. Si tratta di dodici lotti con criterio di aggiudicazione al miglior prezzo. Il dirigente incaricato è Salvatore Carrubba e l’importo in base d’asta totale è pari a 266.716.544,00 euro.

Il governo vuole davvero chiudere malati e NoVax in campi container?

La vicenda, che di per sé non rappresenterebbe nemmeno una notizia, lo è diventata quando in rete hanno cominciato a circolare articoli, video e appelli in cui si chiedeva al governo di fare chiarezza sulla questione sostenendo che si trattasse di un modo per rinchiudere o i malati Covid-19 (secondo alcune teorie) o, peggio, quelli che rifiutano il vaccino contro il coronavirus. Il tutto sulla scorta di una serie di fake news circolate oltreoceano riguardo alternativamente la Cina e il Canada, entrambi pronti a rinchiudere i propri cittadini per non meglio precisati motivi.

La teoria del complotto italiana invece prevede un curioso mix che includeva molte ipotesi tra loro contrapposte - “Quali casi di emergenza? Guerre tra stati? Bioterrorismo? Avvenimenti come i terremoti? A cosa servono questi campi? Qual è l’obiettivo di tutto ciò? Campi per 8000 persone in ogni regione: a cosa servono? Perché? Perché non ci viene detto?” - e, insieme, un collegamento con l’epidemia di Covid-19 e la campagna vaccinale del governo. Nel senso che i famosi container, secondo questa interpretazione, sarebbero dovuti servire a rinchiudere o i malati oppure coloro che rifiutano il vaccino. Naturalmente non è vero niente.

Perché è una fake news

Tutto ciò è una fake news in primo luogo perché lo stesso bando Consip spiega che quella messa al bando è una fornitura di noleggio di container che la Protezione Civile programma ciclicamente per l’utilizzo in caso di calamità o terremoti. Si tratta di bandi che escono ciclicamente (come questo del 2015).

E poi perché la stessa Consip, evidentemente stufa del mail bombing che stava ricevendo e degli articoli che uscivano sulla vicenda, ha ritenuto di dover precisare sul suo sito che non c’è nulla di strano:

“L’Accordo quadro per la fornitura di container, bandito per conto del Dipartimento della Protezione civile, non è destinato alle esigenze dell’emergenza Covid-19, ma rientra del cosiddetto “Procurement di emergenza”. Le strutture deputate alla gestione delle emergenze si dotano “in tempi di pace” – attraverso procedure d’acquisto ordinarie e non dettate dall’urgenza del momento – di contratti quadro pronti all’uso al momento del verificarsi di un evento catastrofico. In tal modo, i fornitori già individuati, possono essere immediatamente attivati, con notevole risparmio di tempo

Nel caso specifico, l’Accordo quadro prevede la fornitura – per l’assistenza temporanea alla popolazione nelle prime fasi di un evento emergenziale che comporti l’indisponibilità di abitazioni ed edifici civili (terremoto, frana, inondazione) – di insediamenti leggeri e provvisori con diverse destinazioni d’uso (abitativo o ufficio), costituiti da container in noleggio completi di arredi, biancheria, accessori, lavatrici e asciugatrici industriali;

Dato quanto precisato sopra, tale Accordo quadro non rappresenta un acquisto e, di conseguenza, una spesa, in quanto verrà attivato solo nel caso del verificarsi dell’emergenza. Come tale, dunque, non sottrae fondi ad altri utilizzi.”

Insomma, era tutta una bufala. E anche questa volta per il complotto del secolo sarà per la prossima volta.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories