Halloween 2020: si può fare dolcetto o scherzetto quest’anno?

Sarà un Halloween diverso dal solito, senza feste e senza dolcetto e scherzetto nelle case del vicinato. Cosa si può e non si può fare e le multe previste.

Halloween 2020: si può fare dolcetto o scherzetto quest'anno?

Halloween è dietro l’angolo anche se non è il momento migliore per festeggiare. Molti genitori si domandano se quest’anno sia consentito fare il tradizionale “dolcetto o scherzetto” con i bambini ma ci sentiamo di escludere questa possibilità in considerazione delle restrizioni vigenti. Inoltre il 1° e il 2 novembre in alcuni comuni è disposta la chiusura dei cimiteri.

Il DPCM in vigore dal 25 ottobre non vieta espressamente di festeggiare Halloween e Ognissanti, e in molti casi sono le ordinanze locali ad imporre il divieto. Ma, anche in mancanza di uno specifico provvedimento del sindaco, meglio astenersi dall’andare di casa in casa in cerca di dolciumi. Inoltre è fortemente sconsigliato invitare amici e conoscenti e organizzare party in casa; il rischio è creare un assembramento e incorrere nelle sanzioni amministrative, oltre a quello di favorire nuovi contagi.

Dolcetto e scherzetto per Halloween, in molte città scatta il divieto

Le questure e le prefetture locali sconsigliano caldamente ogni tipo di festeggiamento, anche per Halloween il 31 di ottobre. Questo vale sia per le feste tra le mura domestiche con amici, vicini e compagni di classe, sia per il tradizionale “dolcetto o scherzetto”. Questi comportamenti, infatti, potrebbero esporre bambini e adulti al rischio di contrarre il coronavirus dato che sarebbe difficile rispettare il distanziamento sociale e le norme igieniche sancite dai protocolli nazionali (si pensi ai bambini che mettono le mani nel cesto delle caramelle e si scambiano dolciumi).

In prossimità del 31 di ottobre i sindaci di diverse città hanno emanato - o sono in procinto di farlo - ordinanze ancor più restrittive delle misure nazionali, con le quali si vieta senza mezze misure il classico “dolcetto o scherzetto” e le visite nei cimiteri nei giorni dei morti e Ognissanti, il 1° e il 2 novembre. Tra questi il sindaco di Marsciano, in Umbria, dove la commemorazione dei defunti dovrà avvenire nel rispetto delle misure anti-Covid.

Fare “dolcetto o scherzetto” può costare caro: multe fino a 1.000 euro

Chi, in barba ai divieti e al buon senso civico, decide di festeggiare ugualmente Halloween rischia la sanzione amministrativa prevista dal decreto Cura Italia: la multa da 400 euro fino ad un massimo di 1.000 euro, a discrezione delle autorità di pubblica sicurezza.

Questa può essere pagata in misura ridotta entro 5 giorni beneficiando dello sconto del 30% - come per le multe stradali - per un importo finale di 280 euro nella misura minima.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories