Quanto guadagna Giuseppe Conte? Stipendio e reddito del leader del M5s

Alessandro Cipolla

17 Gennaio 2023 - 16:25

condividi

Lo stipendio e il reddito di Giuseppe Conte, l’ex presidente del Consiglio ora deputato e capo politico del Movimento 5 Stelle.

Quanto guadagna Giusppe Conte? Una domanda questa che tutti i cittadini si saranno posti almeno una volta durante i quasi tre anni in cui l’avvocato del popolo è stato a Palazzo Chigi, magari per fare un confronto con il proprio stipendio o pensione.

Da quando poi il Movimento 5 Stelle è stato al governo, in pratica in maniera continua da giugno 2018 fino al luglio 2022 quando è caduto l’esecutivo targato Draghi, il tema dei costi della politica è sempre d’attualità vista anche la battaglia portata avanti con il referendum sul taglio dei parlamentari.

Una volta caduto il suo secondo governo, Giuseppe Conte, a seguito di una riforma del regolamento dei pentastellati, è stato eletto il 28 marzo 2022 presidente del Movimento 5 Stelle. Alle elezioni politiche 2022, il leader pentastellato per la prima volta si è candidato venendo eletto alla Camera dei Deputati.

Vediamo allora lo stipendio percepito e le ultime dichiarazioni dei redditi di Giuseppe Conte, il professore universitario prestato alla politica.

Lo stipendio di Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è stato presidente del Consiglio in maniera ininterrotta dal 1 giugno 2018 fino al 13 febbraio 2021, guidando due governi con il secondo che ha dovuto affrontare la tempesta della pandemia.

Il presidente del Consiglio italiano, con il suo stipendio, rientra nella top ten dei funzionari di Stato più pagati al mondo. Lo scarto però con i primi della classifica è abissale. Il primo in classifica è infatti il primo ministro di Singapore, Lee Hsien Loong, che ha dichiarato ben 1,7 milioni di dollari.

Al momento, il capo del governo guadagna 80.000 euro all’anno netti, per uno stipendio mensile di 6.700 euro. Una paga niente male, anche se paradossalmente è inferiore rispetto a quella dei semplici deputati o senatori che arrivano a prendere anche il doppio.

Adesso che è deputato, Conte infatti ha diritto a un’indennità netta di 5.000 euro al mese più una diaria di 3.503,11 e un rimborso per spese di mandato pari a 3.690 euro. A questi si aggiungono 1.200 euro annui di rimborsi telefonici e da 3.323,70 fino a 3.995,10 euro ogni tre mesi per i trasporti.

Le dichiarazioni dei redditi

Prima del suo ingresso in politica, come avvocato civilista e professore nella dichiarazione dei redditi del 2018, e quindi in riferimento al periodo d’imposta 2017, Giuseppe Conte ha dichiarato un reddito pari a 380.233 euro.

Dichiarazione redditi 2018 Giuseppe Conte
La dichiarazione dei redditi 2018 di Giuseppe Conte

Nella dichiarazione dei redditi successiva, quella del 2019 relativa quindi al 2018 come periodo d’imposta anno in cui a giugno è diventato premier, il reddito complessivo è salito a 1.207.391 euro.

Dichiarazione redditi 2019 Giuseppe Conte
La dichiarazione dei redditi 2019 di Giuseppe Conte

Un aumento notevole che sarebbe dovuto al fatto che Conte, appena nominato Presidente del Consiglio, ha chiuso tutti gli incarichi pendenti, fatturando così in un breve lasso di tempo importi che invece altrimenti sarebbero stati diluiti nel tempo.

Per quanto riguarda la dichiarazione del 2020, il reddito complessivo di Conte è stato di 205.048 euro, quindi circa un milione di euro in meno rispetto l’anno precedente.

Giuseppe Conte
La dichiarazione dei redditi 2021

Nella dichiarazione dei redditi del 2021, che si riferisce come periodo di imposta al 2020, il reddito complessivo del leader pentastellato è stato di 105.411 euro.

L’ultima dichiarazione dei redditi pubblicata, quella del 2022 che si riferisce al 2021 quando solo per due mesi è stato presidente del consiglio, ha fatto registrare un reddito complessivo pari a 34.095 euro.

Giuseppe Conte: dichiarazione dei redditi 2022
Fonte Camera dei Deputati

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO