Quando la Meloni andava ai convegni dell’Arcigay: “Fermare le discriminazioni”. VIDEO

In un video del 2009, quando Giorgia Meloni era ministro della Gioventù, c’è la leader di Fratelli d’Italia mentre prendeva parte a un convegno dell’Arcigay: “Insistere su iniziative culturali per combattere le forme di disagio che sono alla base delle discriminazioni”.

Giorgia Meloni presente a un convegno dell’Arcigay per sottolineare come ci sia la necessità di “insistere su iniziative culturali per combattere a 360° le forme di disagio che sono alla base delle discriminazioni, comprese quelli che riguardano i giovani istituzionali”.

Non è una fake news oppure la battuta di un sito di satira, ma semplicemente quello che si può vedere in un video del TG regionale della Liguria risalente al 2009, periodo in cui la leader di Fratelli d’Italia era ministro della Gioventù del governo Berlusconi.

L’occasione era un convegno organizzato dall’Arcigay su “Disagio e diversità giovanile” nel periodo del Genova Pride, al quale ha partecipato oltre all’allora presidente nazionale dell’associazione Aurelio Mancuso anche Giorgia Meloni in veste di ministro.

No a genitore uno e genitore due, noi difendiamo i nostri nomi perché non siamo codici” ha invece dichiarato perentoria la Meloni sul palco di San Giovanni soltanto qualche settimana fa, con l’intervento che è poi diventato anche un tormentone virale in rete dal nome Io sono Giorgia.

Argomenti:

Video Giorgia Meloni

Iscriviti alla newsletter

1 commento

foto profilo

Dario889 • 19 febbraio

Mi sono iscritto apposta per commentare questo articolo, perché mi ha dato fastidio la mala informazione che dà questo articolo, premettendo che non sono di destra e che non voto Meloni. Il fatto è che un conto è difendere la famiglia tradizionale di uomo e donna e difendere le discriminazioni degli omosessuali, che è la volontà/la dichiarazione della Meloni e quella di un qualsiasi cristiano vero, e un conto è far intendere che la Meloni sosteneva il contrario in passato, in quanto se dichiara come ministro di voler tutelare le discriminazioni degli omosessuali non significa che voglia adottare «genitore uno» e «genitore due»...anche io da cristiano e da eterosessuale sono per combattere le discriminazioni contro gli omosessuali e contro ogni qualsiasi forma di sopraffazione e bullismo in senso più generale.

Quando la Meloni andava ai convegni dell'Arcigay: “Fermare le discriminazioni”. VIDEO
Money Stories