Germania: inflazione ai massimi di 3 anni, un’arma pericolosa per la BCE

icon calendar icon person
Germania: inflazione ai massimi di 3 anni, un'arma pericolosa per la BCE

L’indice dei prezzi al consumo della Germania raggiunge livelli record vicini ai target della BCE. I conservatori tedeschi potrebbero presto tornare all’attacco.

L’inflazione in Germania superiore alle attese rappresenta una notizia positiva per la BCE, meno per i consumatori tedeschi.,

I prezzi al consumo in Germania sono saliti oltre le attese degli analisti a dicembre, colpendo i livelli più alti in oltre tre anni, come mostrato dai dati preliminari pubblicati oggi sul Calendario Economico.

Il buon andamento dell’inflazione in Germania è certamente un segnale ben accolto dalla Banca Centrale Europea, sintomo che lo stimolo di politica monetaria sta dando i suoi frutti.

Contemporaneamente, l’impennata dei prezzi al consumo potrebbe mettere un freno sulla propensione al consumo dei cittadini tedeschi - un aumento dell’inflazione significa che i consumatori hanno meno reddito reale da spendere.

I prezzi al consumo armonizzati in Germania a dicembre mostrano un rialzo dell’1,7 per cento su base annua, a fronte di un aumento dello 0,7 per cento registrato a novembre.
Il risultato del market mover, vicino al target di inflazione della BCE a quasi il 2 per cento, è il tasso di inflazione più alto da luglio 2013 in Germania, e più forte del consensus degli analisti all’1,3 per cento.

Su base non armonizzata, l’inflazione annua è salita dell’1,7 per cento, dallo 0,8 per cento del mese precedente.
L’analisi dei dati non armonizzati ha mostrato un aumento dei prezzi dell’energia e nel settore alimentare come la causa più forte dietro l’aumento generale dei prezzi.

Sembra che l’inflazione tedesca possa raggiungere il target della BCE a quasi il 2 per cento nei prossimi mesi.

La forte ripresa dell’inflazione tedesca dà ai conservatori come il presidente della Bundesbank e e a Jens Weidmann al consiglio della BCE più spazio per discutere di una fine del quantitative easing il più presto possibile.

Segui Money.it su Facebook

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]