Furti auto in aumento: andrà peggio con il coronavirus?

Furti d’auto in aumento, e con l’emergenza coronavirus c’è la probabilità che il fenomeno continui a crescere. Le auto più rubate e i consigli per difendersi.

Furti auto in aumento: andrà peggio con il coronavirus?

I furti d’auto in Italia sono in aumento. Secondo i dati del Ministero dell’Interno, nel 2018 sono stati 105.239 gli autoveicoli rubati, ovvero il 5,2% in più rispetto al 2017. I ladri del resto sono diventati sempre più hi-tech: bastano solo 30 secondi in media ormai per sottrarre un’autovettura. Si aggrava anche il dato sulla percentuale di ritrovamento di un’auto rubata, che si attesta sotto la soglia del 40% nel 2018, contro il 44% del 2016 e il 53% del 2017.

Anche in tempo di coronavirus e “coprifuoco”, i ladri non si sono lasciati intimorire dai limiti imposti dal decreto Io resto a casa, anzi: locali chiusi e strade vuote possono agevolare i criminali a passare inosservati.

Nelle ultime ore si sono infatti registrati diversi casi di furti d’auto: a Salerno due pregiudicati sono stati fermati per aver rubato un’auto, e a Gaustalla, in provincia di Reggio Emilia, le forze dell’ordine hanno arrestato due ragazzi per il furto di una Fiat Doblò.

Cosa si può fare allora per sentirsi più sicuri in questo periodo in cui siamo costretti a casa? Alcune piccole accortezze possono essere: stare attenti a non lasciare le chiavi nella toppa dell’auto, non parcheggiarla in luoghi troppo isolati e usare un buon antifurto.

Coronavirus: i furti d’auto non si fermano

Secondo i dati della Polizia di Stato nel 2018, dopo 5 anni di calo graduale, si è registrato un aumento dei furti d’auto. In questo periodo di emergenza coronavirus i ladri non si fermano ma anzi, approfittano della situazione. Sappiamo infatti che per i cittadini non è possibile uscire dalla propria abitazione o effettuare spostamenti se non per comprovati motivi di necessità, lavoro o salute. Le strade quindi sono praticamente deserte e le auto, lasciate parcheggiate e incustodite per lungo tempo, risultano ottime prede.

Ieri sera dei malviventi hanno messo a segno un colpo, rubando due auto di grossa cilindrata da una concessionaria in località la Tognazza (Monteriggioni). Altri due uomini, due pregiudicati di 44 e 42 anni, sono stati arrestati dalle forze dell’ordine perché responsabili di aver rubato un’auto parcheggiata in centro a Salerno. Per loro è scattata anche la denuncia per inosservanza all’art. 650 c.p., in conformità delle norme attualmente in vigore che limitano la circolazione delle persone sul territorio nazionale per il contenimento della diffusione del COVID-19.

Stessa sorte è toccata a due ragazzi, un 18enne di Guastalla e un 24enne di Castelnovo Sotto, che verso le ore 2 di ieri notte, sono stati fermati dalla polizia per il furto di una Fiat Doblò. Quindi, oltre alla denuncia per furto aggravato e ricettazione, sono stati anche segnalati per aver violato i divieti imposti dal decreto dei Consiglio dei ministri.

Le auto più rubate

I dati della Polizia di Stato ci offrono anche una panoramica di quelli che sono i modelli di auto più a rischio furto. Quelli che dovrebbero preoccuparsi di più sono i proprietari di auto Fiat (Panda, 500, Punto, Uno), ma negli ultimi tempi sono aumentati anche i furti di Lancia Y, Volkswagen Golf, Smart ForTwo e Renault. Per non parlare di SUV e mini SUV: nella classifica delle auto più rubate del 2019 spiccano Range Rover, Jeep Renegade, Nissan Qashqai e Toyota RAV4.

Furti d’auto: consigli per difendersi

Il fatto che il furto delle auto sia in continua crescita è piuttosto grave. Ancor più grave è dover stare attenti agli sciacalli che in questo periodo di emergenza coronavirus approfittano per derubare i cittadini costretti a restare a casa. Come fare allora per potersi difendere per non rimanere vittime di furti? Ecco alcuni semplici consigli:

  • Stare attenti a non lasciare l’auto accesa e con le chiavi inserite.
  • Evitare di lasciare l’auto di notte in parcheggi isolati o incustoditi.
  • Anche se non si fa un uso dell’auto quotidianamente, cercare di verificare tutti i giorni che sia parcheggiata nel punto in cui è stata lasciata.
  • Denunciare con tempestività il furto poiché aumenta la possibilità di ritrovare la vettura, soprattutto se dotata di un dispositivo di rilevamento hi-tech.
  • Prestare attenzione al luogo in cui si parcheggia: se si notano a terra cumuli di frammenti di vetro, di solito è sinonimo di zona a rischio furto o vandalismo.
  • Adottare un sistema di antifurto meccanico, ma anche uno di ultima generazione: il primo aiuta a scoraggiare i ladri meno attrezzati, il secondo invece può essere prezioso in caso di furto.

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Automobili

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.