Nella giornata di ieri Sky Sport Italia ha diffuso la notizia che le trattative tra Ferrari e Sebastian Vettel sarebbero arrivate ad un momento importante. Infatti la scuderia del cavallino rampante avrebbe offerto al proprio pilota, il cui contratto è in scadenza alla fine del 2020, il rinnovo del contratto.

La prima offerta che il team di Maranello avrebbe fatto al 4 volte campione del mondo di Formula 1 però non sarebbe molto allettante. Infatti secondo indiscrezioni la Ferrari avrebbe offerto a Sebastian Vettel il rinnovo per solo un anno: il 2021. Inoltre al pilota tedesco sarebbe stato offerto uno stipendio molto più basso di quello previsto dal suo contratto attuale.

Sebastian Vettel potrebbe dire addio alla Ferrari che ha offerto un solo anno di contratto e stipendio dimezzato

Sergio Marchionne 3 anni fa fece firmare a Vettel il rinnovo del contratto con la Ferrari per 3 anni a circa 33 milioni di euro l’anno. A quanto pare adesso il cavallino rampante avrebbe proposto una cifra molto più bassa. Qualcuno ipotizza meno della metà del precedente contratto.

A questo punto toccherà a Sebastian Vettel valutare cosa fare. Il tedesco, sempre secondo indiscrezioni, non sarebbe rimasto contento del trattamento ricevuto. Dunque la possibilità che l’esperto pilota possa dire addio a fine anno aumentano. Il recente rinnovo di Charles Leclerc che ha firmato fino al 2024 ovviamente mette in evidenza una disparità di trattamento che Vettel non avrebbe apprezzato.

Per quanto riguarda le alternative del tedesco, al momento in Formula 1 non sarebbero molte. Infatti la Red Bull ha già detto di non essere interessata ad un suo ritorno. Anche l’approdo in Mercedes sembra essere molto difficile. Non si può escludere che in caso di addio alla Ferrari, Vettel possa anche decidere di dire addio alla Formula 1.

Quanto alla Ferrari, per il sostituto di Vettel si fanno i nomi di Daniel Ricciardo e Lewis Hamilton. Il secondo però sembra improbabile visto che la Ferrari si ritroverebbe di nuovo nella situazione di avere due numeri uno, cosa che nel 2019 non ha portato bene alla scuderia del cavallino rampante.