Forex, EUR/JPY: l’euro non resiste, di nuovo in discesa verso quota 122

Matteo Bienna

14 Aprile 2016 - 09:10

condividi

Forex, euro-yen: il periodo positivo dell’euro sembra essere finito, dopo il nuovo apprezzamento del dollaro. E il cambio EUR/JPY continua il suo ribasso.

Il cambio euro-yen è stato recentemente guidato dal forte apprezzamento della valuta giapponese, che ha causato il crollo dei suoi cambi contro le due maggiori aree economiche occidentali.

La politica monetaria dei tassi negativi operata dalla Bank of Japan non sta producendo gli effetti voluti e il peso dello yen continua a gravare sull’economia nipponica.

Negli ultimi giorni l’euro sembrava aver ripreso quota nei confronti del dollaro e anche la discesa di euro-yen aveva trovato respiro nei pressi di quota 124.

Dopo la dimostrazione di forza del dollaro, durante la giornata di ieri, l’euro è tornato a deprezzarsi ed EUR/JPY a dirigersi verso il basso, ormai prossimo al ritorno a 122.

Forex, euro-yen: prospettive di lungo periodo sempre più ribassiste

Volendo offrire una panoramica di ampio respiro sul cambio euro-yen, prendiamo in considerazione il seguente grafico giornaliero, che guarda all’andamento di EUR/JPY nell’ultimo anno:

Il cambio segue educatamente una trendline negativa di lungo periodo, in rosso, collezionando una serie di massimi decrescenti e di swing al rialzo sempre meno convinti.

Dalla metà dello scorso anno, euro-yen ha registrato cinque pesanti correzioni al ribasso in corrispondenza della trendline, evidenziate dalle frecce di colore rosso.

L’ultima, in particolare, è avvenuta prima del previsto, inclinando ancora di più verso il basso le prospettive di lungo periodo e segnando un nuovo record di distacco dal precedente massimo.

La spinta ribassista che ha seguito non è stata meno intensa di quelle passate e il cambio euro-yen sembra ora diretto verso i minimi poco sopra quota 122, livelli di prezzo che in precedenza erano stati raggiunti all’inizio del 2013.

Le medie mobili a 20 e a 60 periodi non si sono incrociate, descrivendo un ulteriore segnale ribassista. La media mobile a 200 periodi è lontana e l’RSI sembra pronto ad affacciarsi nella zona di ipervenduto, come ha quasi sempre fatto nelle fasi ribassiste.

Forex, euro-yen: appiattimento al ribasso nel breve periodo

L’attuale sprint seguito dal dollaro non restituisce grandi possibilità di ripresa nel breve termine ad euro-yen.

Come osservabile dal seguente grafico H4, l’andamento del cambio si è appiattito al ribasso, poco sopra la soglia di 123:

A 122,4 c’è il primo supporto, con il secondo che segue a breve distanza a 122,0, dove il cambio EUR/JPY troverebbe quel minimo che lo riporterebbe indietro fino ai primi mesi del 2013.

L’ADX segnala una fase incerta, di attesa, mentre l’oscillatore MACD, seppur descrivendo una perdita di forza da parte della spinta ribassista, vede nel suo recente passato una tenue registrazione di valori positivi.

In giornata sarà bene tenere sotto controllo il nostro calendario economico.
Per le ore 11:00 è infatti prevista la comunicazione del dato sull’indice dei prezzi al consumo per l’Eurozona, che potrebbe direzionare l’andamento di giornata.

I recenti movimenti di euro-yen, tuttavia, suggeriscono la volontà di andare a testare i supporti all’interno di quota 122, in un trend ribassista che da tempo vede nei rialzi solo una buona occasione per rientrare short.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.