Fed Dallas: «troppo presto per dire se Fed dovrà ridurre tassi di interesse»

Il Presidente della Federal Reserve Bank of Dallas, Robert Kaplan, ha detto che è troppo presto per dire se la Fed dovrà ridurre i tassi di interesse nei prossimi mesi, per fronteggiare l’incertezza sul commercio e una crescita mondiale più debole

Fed Dallas: «troppo presto per dire se Fed dovrà ridurre tassi di interesse»

Il Presidente della Federal Reserve Bank of Dallas, Robert Kaplan, ha detto che «è troppo presto per dire se la Fed dovrà ridurre i tassi di interesse nei prossimi mesi», per fronteggiare l’incertezza sul commercio e una crescita mondiale più debole.

«La domanda è se il commercio e le incertezze della crescita globale possano persistere in modo tale da causare un deterioramento significativo delle prospettive della crescita economica degli Stati Uniti», ha affermato Kaplan. Il banchiere crede pero’ che «in questa fase sia troppo presto per dare una risposta a questa domanda».

Il saggio di Kaplan indica che ha sostenuto la decisione della scorsa settimana relativa al mantenimento dei tassi di interesse stabili nell’intervallo compreso tra il 2,25% e il 2,5%.

Nove dei 10 membri del FOMC hanno approvato la decisione sui tassi la settimana scorsa, con il Presidente della Fed di St. Louis James Bullard che si è espresso a favore di tassi più bassi. Venerdì scorso, il Presidente della Fed di Minneapolis, Neel Kashkari, ha dichiarato che avrebbe votato per tagliare il tasso di riferimento di 0,50 punti percentuali.

Decisioni su politica monetaria in secondo piano con tensioni commerciali

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina e Stati Uniti e Messico sono aumentate a maggio. Mentre gli Stati Uniti hanno sospeso le tariffe potenziali sul Messico, la prospettiva di una eventuale risoluzione con la Cina si blocca per ora sull’esito di un incontro a fine settimana tra il Presidente Trump e il Presidente cinese Xi Jinping.

Poiché la prospettiva della politica commerciale si è improvvisamente oscurata, Kaplan ha affermato che «sarebbe saggio consentire agli eventi di dispiegarsi un po’ di più prima di formulare giudizi sulla posizione della politica monetaria».

I suggerimenti di Kaplan (Fed Dallas)

Il leader della Fed di Dallas ha suggerito che qualsiasi spostamento verso tassi di interesse più bassi richiederebbe alla Banca centrale di appoggiarsi maggiormente a una regolamentazione più forte per evitare potenziali eccessi derivanti dalla costruzione dell’economia, in particolare per alimentare una maggiore leva nel settore delle imprese. «Con le imprese meno capaci di trasferire prezzi più alti ai loro clienti, l’attività finanziata dal debito diventa più difficile da resistere», ha scritto.

Il debito aziendale utilizzato per riacquistare azioni o finanziare acquisizioni societarie può aiutare a incrementare i guadagni durante i periodi di congiuntura favorevole, ma potrebbe danneggiare i bilanci durante i periodi di recessione.

«Questo è solo un esempio del tipo di eccesso che può sembrare innocuo quando i tempi sono buoni, ma può diventare più problematico in una recessione», ha detto.

Di conseguenza, Kaplan ha affermato che è importante che la Banca centrale mantenga requisiti patrimoniali più rigorosi e stress test per le banche, e che le autorità di regolamentazione guardino con attenzione le società finanziarie non bancarie. Una supervisione più severa «dovrebbe fornire maggiore flessibilità affinché la politica monetaria si occupi principalmente delle condizioni economiche», ha scritto.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories