In Europa non c’è fiducia? Crolla il sentiment

Violetta Silvestri

2 Maggio 2022 - 15:34

condividi

I nuovi dati sul sentiment e le aspettative in Eurozona mostrano segnali di cedimento. Il vecchio continente ce la farà a non cadere in recessione? Cosa hanno svelato i numeri.

In Europa non c'è fiducia? Crolla il sentiment

Il sentimento economico dell’Eurozona è sceso molto più del previsto ad aprile, poiché il secondo mese intero di guerra in Ucraina e i relativi picchi dei prezzi delle materie prime hanno colpito la fiducia in tutti i settori, secondo i dati mostrati lunedì 2 maggio.

Il vecchio continente resta sotto i riflettori per il pesante impatto che sta subendo dal conflitto e dalle sue conseguenze.

Ci si chiede se l’area dell’euro potrà continuare a crescere. Nei primi tre mesi del 2022, la produzione è aumentata di poco in tutta la regione, con l’Italia che ha registrato una contrazione, la Francia una stagnazione e la Germania che ha evitato per un pelo una recessione.

In questo contesto, a diminuire sono stati anche gli indici sul sentiment e le aspettative: di quanto?

Fiducia debole in Europa, clima di crisi?

La fiducia nell’economia dell’area dell’euro è scesa ai minimi da un anno poiché l’impatto della guerra ha prosciugato il sentimento generale dell’industria nei confronti dei consumatori.

Un indicatore compilato dalla Commissione Europea è sceso a 105, molto al di sotto della stima mediana di 108 degli economisti in un sondaggio di Bloomberg. Il calo della fiducia è stato pronunciato tra produttori e consumatori, con entrambe le misure più deboli del previsto.

Sebbene i dati abbiano mostrato un allentamento delle aspettative sui prezzi rispetto al record del mese precedente, queste riflettono ancora l’impatto crescente sulle famiglie e sulle aziende dell’aumento dell’inflazione che ha raggiunto un nuovo massimo del 7,5% nei dati pubblicati venerdì.

In tale contesto, la Banca centrale europea deve far fronte a pressioni per aumentare i tassi di interesse.

Nel dettaglio, l’industria è stato uno dei settori più colpiti, con il sentiment sceso a 7,9 punti da 9,0 di marzo, mentre la fiducia del commercio al dettaglio è diminuita a -4,3 da -2,4. I consumatori sono diventati più pessimisti con una lettura di -22,0 da -21,6. I servizi, gran parte dell’economia della zona euro, sono scesi a 13,5 da 13,6.

Le aspettative sui prezzi di vendita tra i produttori sono salite a un massimo storico di 60,8 da 57,2 di marzo, ma tra i consumatori le aspettative di inflazione per 12 mesi a venire sono scese drasticamente a 50,0 da un massimo storico di 62,9 raggiunto a marzo.

L’Europa senza fiducia rischia la recessione?

È probabile che la prospettiva che la Russia chiuda le spedizioni di gas continuerà a pesare sul sentimento e potrebbe minacciare una recessione, secondo gli osservatori.

Il capo economista della Bce Philip Lane ha avvertito in un’intervista che c’è ancora molto slancio nella ripresa della regione dalla pandemia.

Intanto, però, la crescita della produzione manifatturiera dell’Eurozona si è bloccata il mese scorso a causa delle difficoltà delle fabbriche per l’approvvigionamento di materie prime.

L’indice finale dei responsabili degli acquisti nel settore manifatturiero (PMI) di S&P Global è sceso al minimo di 15 mesi di 55,5 ad aprile dal 56,5 di marzo.

Il PMI composito, visto come un buon indicatore della salute economica, è diminuito a 50,7 da 53,1, il livello più basso da giugno 2020, quando il blocco stava affrontando la prima ondata della pandemia di coronavirus.

“La produzione manifatturiera si è quasi fermata in tutta la zona euro ad aprile”, ha affermato Chris Williamson, capo economista di S&P Global.

“Le aziende non solo hanno riferito che i problemi in corso con la carenza di componenti sono stati aggravati dalla guerra in Ucraina e dai nuovi blocchi in Cina, ma che anche l’aumento dei prezzi e la crescente incertezza sulle prospettive economiche hanno colpito la domanda”, secondo l’esperto.

Il tutto sta spegnendo anche la fiducia nell’Eurozona.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te

Correlato