L’Europa e l’acquisto comune di gas: 5 punti in focus

Violetta Silvestri

02/04/2022

02/04/2022 - 16:33

condividi

Acquistare gas come unico blocco è una delle tante soluzioni lanciate dall’Europa per calmare i prezzi e avere l’energia a sufficienza. Può davvero funzionare? Un’analisi espone 5 nodi da risolvere.

L'Europa e l'acquisto comune di gas: 5 punti in focus

L’invasione russa dell’Ucraina sta facendo rivivere una vecchia idea: l’Ue acquirente unico di gas naturale per tutte le 27 nazioni.

Se funziona, la soluzione darebbe all’Unione un ruolo chiave nei mercati energetici globali - aumentandone il suo peso geopolitico - riducendo la sua dipendenza dalle importazioni di energia russe.

La scorsa settimana i leader dell’Ue hanno concordato di lavorare insieme per l’acquisto comune volontario di gas e altri combustibili facendo “un uso ottimale del peso politico e di mercato collettivo dell’Unione europea e dei suoi Stati membri per abbassare i prezzi nei negoziati.”

Può funzionare davvero? Un’analisi di Politico.eu mette in luce 5 punti da osservare. E che raccontano una storia più complessa sull’acquisto comunitario di gas.

1. Quanto gas acquistare?

Il potere d’acquisto funziona meglio se si compra molto, e in questo momento non è chiaro quale percentuale di gas comunitario rientrerebbe nel programma di appalti congiunti proposto.

La Commissione prevede di istituire una piattaforma di appalto per i Paesi interessati, “raccogliendo gli ordini di gas e abbinando le forniture” attraverso “negoziazioni bilaterali con i principali produttori di gas”. I rappresentanti degli Stati dell’Ue siederebbero in un comitato direttivo per la task force guidata da Bruxelles.

Tuttavia diverse nazioni europee sono già vincolate da contratti a lungo termine sul gas. Se la piattaforma congiunta acquista solo l’equivalente di una ricarica extra, risulta meno interessante.

2. Il peso politico per ottenere gas

L’attuale crisi globale del gas significa che i produttori impongono prezzi record per la loro offerta limitata e avrebbero bisogno di motivi convincenti per prendere in considerazione la vendita nell’Ue a tassi inferiori, soprattutto se ciò significa abbandonare i clienti di lunga data.

“Non vedo nessun produttore rinunciare al profitto e ai tradizionali rapporti di fornitura a meno che non ne tragga un enorme vantaggio politico, che probabilmente l’Ue non può dare, è qualcosa che solo gli Stati Uniti possono fare”, ha affermato Brenda Shaffer, senior fellow di il Global Energy Center dell’Atlantic Council e professore di energia presso la US Naval Postgraduate School.

Georg Zachmann, del think tank Bruegel a Bruxelles, è d’accordo: “Ci sono molti soldi coinvolti e se la Commissione firmerà accordi del valore di decine di miliardi di euro con società statali in Paesi difficili, ci sono considerazioni politiche che potrebbero entrare nella decisione da chi acquistare e quanto pagarli.”

3. Concorrenza violata?

Fare gruppo per forzare i prezzi verso il basso potrebbe essere visto come un cartello illegale, a seconda di chi sta effettuando l’acquisto e di quante informazioni riservate sui prezzi vengono condivise.

In altre parole: avere l’Ue che negozia accordi favorevoli per compagnie energetiche private o parzialmente di proprietà statale su una piattaforma speciale solleva campanelli d’allarme dell’antitrust.

Inoltre, un altro problema è che “per assicurarti di ottenere un affare migliore, devi condividere informazioni commerciali relativamente sensibili che potrebbero portare a tacita collusione, perché tutti conoscono il prezzo di tutti, che normalmente non viene divulgato ai concorrenti”, ha dichiarato Kim Talus, professore di diritto energetico alla Tulane University in Louisiana e alla University of Eastern Finland Law School.

Le aziende coinvolte, quindi, potrebbero condividere le informazioni in modo confidenziale con la Commissione. Il diritto della concorrenza dell’Ue consente anche esenzioni, come la prova che l’accordo ha portato a una migliore distribuzione dei beni e a una più equa condivisione dei benefici tra i consumatori.

4. Come dividere il gas tra i Paesi Ue?

I Paesi europei hanno diversi livelli di dipendenza dal gas dalla Russia e non tutti i membri hanno strutture di stoccaggio o accesso diretto a un terminal di importazione per i carichi che arrivano via nave.

Ciò crea problemi quando si ripartiscono i volumi e si tiene conto dei prezzi finali, che differiranno una volta aggiunte le tariffe per la ri-liquidazione dei carichi di Gnl e il pagamento dei costi di transito per raggiungere il Paese di destinazione tramite gasdotto.

“La sfida principale è di natura distributiva. Trovare un modo per garantire che la condivisione del rischio avvenga in un modo che sia accettabile per tutti...”, ha sottolineato ancora Zachmann di Bruegel.

Inoltre, non vi è alcuna garanzia che i Paesi che detengono il gas in deposito lo invieranno a un vicino come promesso in caso di freddo o emergenza di approvvigionamento.

I membri dell’Unione sono noti per litigare tra loro e una volta che il momento dell’unità intorno alla guerra in Ucraina sarà svanito, queste tendenze torneranno sicuramente.

5. L’effetto sui prezzi

La Commissione vuole che l’acquisto congiunto sia in vigore entro quest’estate in modo che l’Ue possa riempire i suoi depositi di gas prima della stagione di riscaldamento invernale.

Tuttavia gli analisti hanno notato che l’Ue è un tale colosso sul mercato del gas che ogni espressione da Bruxelles incide sui prezzi.

A marzo, la Commissione ha proposto di imporre ai Paesi di riempire i propri depositi al 90% entro il 1° ottobre, il che ha fatto salire i prezzi da circa 70 euro per megawattora di gennaio a un record di 210 euro all’inizio di marzo.

La Commissione si è rapidamente ritirata e ha affermato di volere lo stoccaggio riempito all’80% entro il 1° novembre, facendo scendere i prezzi a 108 €.

In conclusione, “l’intervento sul mercato continuerà a distorcere i futuri prezzi del gas, ha affermato James Huckstepp, analista del gas presso S&P Global Platts.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO