Azioni Eni in positivo: annunciata nuova scoperta a olio nell’offshore angolano

Eni ha annunciato una nuova scoperta nelle acque profonde dell’offshore dell’Angola che dovrebbe contenere tra i 450 e i 650 milioni di barili di olio in posto. Azioni in positivo anche grazie al fatto che, in vista della presentazione del piano strategico, gli analisti di Equita hanno confermato la raccomandazione “buy”.

Azioni Eni in positivo: annunciata nuova scoperta a olio nell'offshore angolano

Nuova scoperta a olio nelle acque profonde dell’offshore dell’Angola per Eni (prospetto esplorativo Agogo, Blocco 15/06). La scoperta, rileva la società di San Donato, è stimata contenere tra i 450 e i 650 milioni di barili di olio in posto con ulteriore potenziale.

Il pozzo esplorativo Agogo-1 è localizzato a circa 180 km dalla costa e circa 20 km a ovest dalla FPSO N’Goma (West Hub). Agogo è la terza scoperta di natura commerciale effettuata dalla ripresa, nel 2018, delle perforazioni esplorative dal consorzio del Blocco 15/06, dopo quelle sui prospetti di Kalimba e Afoxé.

“La scoperta apre nuove opportunità per l’esplorazione a olio nei prospetti sotto diapiri salini della parte occidentale del prolifico Blocco 15/06, aprendo ulteriori opportunità di creazione di nuovo valore”. Eni è presente in Angola dal 1980 e oggi ha una produzione equity di 155 mila barili di olio equivalente al giorno.

Accordo di collaborazione con Cdp

Ieri il Cane a sei zampe e la Cassa depositi e prestiti hanno annunciato un accordo di collaborazione per iniziative congiunte nell’ambito dell’economia circolare, della decarbonizzazione e delle energie rinnovabili.

“Le parti, inoltre, valuteranno congiuntamente iniziative a elevato impatto socio-economico e ambientale in Paesi in via di sviluppo, nell’ambito del settore energetico e del contrasto al cambiamento climatico”.

In particolare, Eni e Cdp valuteranno la realizzazione di impianti per la produzione di combustibili (come bio-olio e bio-metano) a partire dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani, studieranno la realizzazione di impianti di produzione di energia rinnovabile in Italia. Eni e Cdp, infine, valuteranno anche la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ed altri investimenti nel settore energia finalizzati al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile nei Paesi in via di sviluppo.

Equita conferma il “buy”

Seduta in crescendo per le azioni Eni, in rialzo dell’1,28% a 15,358 euro. Il saldo degli ultimi tre mesi evidenzia un +7,8% mentre rispetto a 12 mesi fa le azioni Eni salgono del 10,5%.

In vista della presentazione del piano strategico al 2022, in calendario venerdì, oggi gli analisti di Equita hanno confermato la raccomandazione “buy” con prezzo obiettivo fissato a 20 euro.

“Riteniamo che la società sia in grado di aumentare la remunerazione degli azionisti attraverso l’incremento del dividendo e un nuovo programma di riacquisto azioni proprie”, riporta la nota.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \