Criptovalute per pagare le tasse, la proposta del governatore della Florida

Gabriele Stentella

13 Dicembre 2021 - 17:43

condividi

Per le società con sede in Florida potrebbe essere disposta l’opzione di pagamento delle tasse statali in valute digitali. Cosa aspettarsi nei prossimi mesi?

Criptovalute per pagare le tasse, la proposta del governatore della Florida

Il governatore Ron DeSantis sta lavorando per permettere alle aziende con sede nello «stato del sole» di pagare i propri tributi anche avvalendosi di criptovalute quali Bitcoin o Ethereum, la Florida sembra così sempre più intenzionata a consolidare la sua posizione all’interno del panorama crypto.

Non si tratta del primo caso di stato federale che si affaccia a questa possibilità, poiché nel 2018 in Ohio le autorità avevano introdotto una misura simile, seppure con risultati non soddisfacenti. Tuttavia la maggior parte degli esperti guarda con ottimismo la scelta del governatore DeSantis considerando le strategie che le autorità della Florida intendono portare avanti nei prossimi anni.

Cosa prevede il piano del governatore DeSantis sulle criptovalute?

Il governatore della Florida ha dichiarato che sono allo studio numerosi progetti pilota per l’integrazione delle valute digitali come metodo di pagamento per le imposte statali. Il piano di DeSantis ha trovato l’appoggio del sindaco di Miami Francis Suarez, al quale si deve il lancio della crypto cittadina MiamiCoin (MIA). Il primo cittadino ha inoltre deciso di ricevere in BTC uno dei suoi primi stipendi da sindaco, volontà che è stata replicata anche dal sindaco eletto di New York Eric Adams.

Per il momento non sono ancora noti i token digitali che potranno essere utilizzati dalle imprese per versare le imposte statali, né si conosce il nome della società che sarà incaricata di gestire le transazioni sulla Blockchain. Le autorità hanno però precisato che nei prossimi mesi la popolazione potrà usare le crypto anche per pagare i premi dell’assicurazione sanitaria o di quella sui veicoli. Le misure sulle valute digitali si inseriscono nel piano di bilancio statale da $99,7 miliardi del 2022.

Crypto per pagare le tasse: il precedente in Ohio

Come anticipato, anche nello stato dell’Ohio l’allora governatore repubblicano John Kasich (2011-2019) aveva aperto le porte ai pagamenti in criptovaluta per le società nel 2018. La proposta fu accolta positivamente anche da esponenti del Partito Democratico e introduceva Bitcoin come metodo di pagamento per 23 tipologie d’imposte.

Tutte le transazioni sarebbero dovute essere gestite da BitPay, il popolare servizio di pagamento spesso utilizzato negli esercizi commerciali. Purtroppo dopo un solo anno il governo dell’Ohio decise di sospendere i pagamenti in BTC delle imposte per paura che quest’ultime non fossero conformi agli standard statali. Al momento i pagamenti delle tasse in crypto sono ancora sospesi in Ohio, ma non si esclude possano essere nuovamente attivati in un futuro prossimo.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.