Covid, si possono mescolare dosi di vaccino diverse? Il parere degli esperti

Martino Grassi

2 Gennaio 2021 - 19:38

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Si possono mescolare tra di loro dosi di vaccino diverse? La decisione del Regno Unito spacca la comunità scientifica.

Covid, si possono mescolare dosi di vaccino diverse? Il parere degli esperti

Si possono mescolare due vaccini diversi per la prima e la seconda dose? Nelle ultime ore la decisione del National Health Service (NHS), il sistema sanitario britannico, di mixare due vaccini prodotti da case farmaceutiche diverse ha sollevato diversi dubbi tra gli esperti.

In sostanza dunque un cittadino britannico a cui è stato somministrato il vaccino di Pfizer per la prima dose, potrebbe ricevere durante la seconda somministrazione quello di AstraZeneca, o viceversa. Ma si può fare e quali possono essere le conseguenze? Ecco cosa dicono gli esperti.

Si possono mescolare due vaccini?

In gergo la procedura approvata dal Regno Unito viene definita Mix-and-Match, una pratica già sperimentata in campo immunologico, come riporta uno studio dedicato alla somministrazione combinata di due preparazioni differenti per combattere l’infezione da rotavirus.

Tuttavia, per quanto riguarda il coronavirus, al momento non vi è alcuna sperimentazione su questo metodo di somministrazione. Alcuni esperti temono che questa scelta possa compromettere non solo l’efficacia protettiva, ma anche la raccolta dei dati sulla sicurezza degli antidoti. I vaccini di Pfizer e AstraZenaca, al momento gli unici due approvati nel Regno Unito, si basano su due tecnologie molto diverse, e dunque mescolarli tra loro potrebbe avere delle ripercussioni in termini di immunità.

Tra gli esperti contrari a questa scelta troviamo il dottor Phyllis Tien, medico specializzato in malattie infettive dell’Università della California di San Francisco, che ha dichiarato: “Niente di tutto questo è basato sui dati, al momento. Siamo un po’ nel selvaggio West. Non ci sono dati su questa sorta di idea”. Della stessa idea anche il professor John Moore, un esperto di vaccini presso l’Università Cornell University di Ithaca, secondo il quale “i funzionari in Gran Bretagna sembrano aver abbandonato completamente la scienza e ora stanno solo cercando di trovare un modo per uscire da questo macello”.

PHE: “Meglio una seconda dose di un altro vaccino che niente”

Dopo l’insorgenza delle polemiche sulla scelta del Regno Unito, l’autorità sanitaria pubblica inglese (Public Health England, PHE) ha voluto sottolineare che non si sta raccomandando il mix di vaccini.

“Non raccomandiamo di mixare i vaccini per la COVID-19. Se la vostra prima dose è Pzifer non dovete ricevere la seconda da AstraZeneca o viceversa”, ha dichiarato a Sky News la dottoressa Mary Ramsay, a capo della sezione di immunizzazione dell’agenzia britannica, precisando che questa procedura sarà utilizzata solo in circostanze molto rare:

“Deve essere compiuto ogni sforzo al fine di somministrare lo stesso vaccino, ma se non fosse possibile è meglio una seconda dose di un altro vaccino che niente

Iscriviti alla newsletter

Money Stories