Covid, chi è la prima persona ad aver ricevuto il vaccino nel Regno Unito

Martino Grassi

8 Dicembre 2020 - 09:39

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Chi è la prima persona a cui è stato somministrato il vaccino nel Regno Unito? L’Inghilterra si prepara alla più grande vaccinazione di massa della storia del suo sistema sanitario nazionale.

Covid, chi è la prima persona ad aver ricevuto il vaccino nel Regno Unito

Chi è Margaret Keenan, la prima persona ad aver ricevuto il vaccino nel Regno Unito? L’Inghilterra ha avviato ufficialmente la somministrazione del candidato di Pfizer-BioNTech in quello che già è stato definito V-Day (giorno del vaccino), dando il via alla più grande vaccinazione di massa della storia del sistema sanitario britannico.

La prima fornitura del vaccino è composta da 800.000 dosi che saranno somministrate nelle prossime settimane seguendo un principio di priorità: dapprima alle persone più a rischio e considerate più fragili e poi a tutti gli altri.

Covid, chi è la prima persona ad aver ricevuto il vaccino

La prima somministrazione del vaccino nel Regno Unito è avvenuta l’8 dicembre alle ore 6:31 all’University Hospital di Coventry, nelle West Midlands, nel centro dell’Inghilterra. A riceverla Margaret Keenan, una donna di 91 anni di Enniskillen, una città dell’Irlanda del Nord.

Dopo la somministrazione Keenan ha affermato: “Mi sento così privilegiata di essere la prima persona ad essere stata vaccinata contro la Covid-19, è il miglior regalo di compleanno in anticipo che potessi desiderare, perché significa che finalmente non vedo l’ora di passare del tempo con la mia famiglia e gli amici nel nuovo anno dopo essere stata da sola per la maggior parte dell’anno”.

Prende ufficialmente vita il piano di vaccinazioni nel Regno Unito, dapprima rivolto agli ultraottantenni e al personale sanitario e assistenziale con l’obiettivo di proteggere i più vulnerabili e le persone più a rischio al fine di riportare la vita alla normalità. Si tratta di una “lunga marcia”, ha precisato il ministro della Salute Matt Hancock alla BBC Breakfast, “ma questo segna la via d’uscita”.

Al via il V-Day nel Regno Unito

Il Regno Unito è il primo Paese al mondo a somministrare il vaccino di Pfizer/BionNTech dopo l’approvazione avvenuta la scorsa settimana. La prima fornitura è composta da 800.000 dosi che diventeranno 40 milioni a partire dalle prossime settimane, garantendo la somministrazione a 20 milioni di persone, dovendo inoculare 2 dosi.

La maggior parte delle dosi tuttavia arriverà l’anno prossimo, entro il 2020 sono attese solamente altre 4 milioni di dosi. Proprio per questo motivo i funzionari della sanità pubblica hanno chiesto ai cittadini di essere pazienti dal momento che le prime dosi saranno inoculate a coloro che sono maggiormente a rischio. Sarà il personale medico a contattare le persone per fissare gli appuntamenti.

Il ministro della Salute ha infatti precisato che la prima fase della vaccinazione durerà diverse settimane, aggiungendo che con molta probabilità nelle prossime due settimane potrà essere approvato anche il vaccino di Oxford prodotto in collaborazione con AstraZeneca.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories