Altro che riaperture, pandemia verso livello più alto mai raggiunto. L’allarme dell’OMS

Fiammetta Rubini - Mario D’Angelo

16/04/2021

20/04/2021 - 18:05

condividi

La pandemia di Covid è arrivata a un punto critico, afferma l’OMS mentre molti Paesi allentano le restrizioni. “Numero di nuovi casi a settimana è quasi raddoppiato negli ultimi due mesi”.

Altro che riaperture, pandemia verso livello più alto mai raggiunto. L'allarme dell'OMS

La Gran Bretagna ha riaperto pub e negozi, Israele ha tolto l’obbligo di mascherina all’aperto da domenica, l’Italia pianifica riaperture di servizi e attività da fine aprile-inizio maggio.

Dopo più di un anno di restrizioni, divieti ed economia ferma, ritornare alla normalità è un’urgenza, ma l’ultimo monito lanciato dall’OMS non fa stare molto tranquilli.

La traiettoria della pandemia di Covid sta “crescendo esponenzialmente”, ha detto il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, che ha parlato di oltre 4,4 milioni di nuovi casi di Covid-19 a settimana negli ultimi due mesi.

OMS, pandemia verso livelli più alti mai raggiunti

Una tendenza allarmante all’aumento dei casi di Covid ha portato le infezioni globali che si avvicinano al livello più alto dall’inizio della pandemia.

“In tutto il mondo, i casi e i decessi continuano ad aumentare a tassi preoccupanti”, ha detto il capo OMS in un briefing incentrato sulla Papua Nuova Guinea e sulla regione del Pacifico occidentale. “A livello globale, il numero di nuovi casi a settimana è quasi raddoppiato negli ultimi due mesi. Questo si sta avvicinando al più alto tasso di infezione che abbiamo visto finora durante la pandemia”, ha continuato Tedros.

Siamo a un punto critico della pandemia, ha detto qualche giorno fa la direttrice tecnica per il Covid-19 dell’agenzia ONU Maria Van Kerkhove, commentando l’allentamento delle misure anti-contagio applicate da alcuni Paesi. In alcuni di essi, i nuovi casi settimanali sono otto volte superiori a quelli di un anno fa.

“Non è la situazione in cui vogliamo trovarci dopo 16 mesi di pandemia quando abbiamo delle comprovate misure di controllo”, ha detto Van Kerkhove. “I vaccini e le vaccinazioni sono attivi, ma non sono presenti in ogni parte del mondo”, ha aggiunto. L’87% dei vaccini, ha rilevato uno studio, sono stati acquistati dai Paesi ricchi.

I casi di Covid-19 nell’ultima settimana sono cresciuti del 9% per la settima settimana consecutiva, mentre i decessi sono aumentati del 5%.

OMS, vaccini strumento potente ma non l’unico

A gennaio e febbraio il mondo ha visto per sei settimane consecutive un calo dei contagi di coronavirus”, ha continuano il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus. E nonostante l’avanzamento della campagna vaccinale, “la scorsa settimana si è registrato il quarto numero più alto di casi in una sola settimana finora”.

I vaccini, ha detto Ghebreyesus, sono “uno strumento potente e vitale ma non l’unico”.

Il direttore generale ha precisato che l’OMS non vuole “lockdown infiniti”, ma “vedere le società e le economie riaprire e i viaggi e il commercio riprendere”. Solo che, al momento, “i reparti di terapia intensiva stanno traboccando e le persone stanno morendo”. Tutte cose evitabili, ha aggiunto Ghebreyesus.

La situazione è particolarmente critica in alcune regioni dell’Asia e del Medio Oriente. Lunedì l’India ha registrato un nuovo record di contagi in 24 ore (168.912) - portando il totale a oltre 13 milioni - e vietato l’esportazione di remdesivir, un farmaco utilizzato per curare il coronavirus.

Secondo i dati del Ministero della Salute indiano, ci sono stati 170.000 decessi e circa 104,5 milioni di vaccinazioni.

Iscriviti a Money.it