Coronavirus: sintomi, contagio, cure e prevenzione

Nuovo coronavirus: cos’è, sintomi principali, cause del contagio, durata e come si cura. Tutte le cose da sapere.

L’allarme Coronavirus nel mondo continua. Quali sono i sintomi del nuovo virus dalla Cina, quanto durano e come avviene il contagio? Esiste una cura o dei farmaci preventivi per evitare l’infezione?

Nonostante il Ministero della Sanità, in concerto con l’OMS e gli istituti specialistici stiano aumentando gli sforzi per limitare allarmismi e psicosi (il Ministero ha attivato un numero verde per le informazioni sul coronavirus: 1500), sono ancora tanti i dubbi riguardo il nuovo virus “gemello” della SARS. Qui di seguito una guida utile sul nuovo coronavirus: sintomi, durata, cure e rimedi, come proteggersi e come riconoscerlo.

Cos’è il nuovo coronavirus (2019-nCoV)

Il nuovo 2019-nCoV è un nuovo ceppo di coronavirus responsabile di una forma rara di polmonite virale che presenta sintomi simili all’influenza come febbre, tosse, naso che cola e, nei casi più gravi, polmonite, insufficienza renale acuta, fino ad arrivare anche al decesso.

È “nuovo” perché finora sconosciuto all’uomo. Scoperto per la prima volta a dicembre 2019 nella città cinese di Wuhan, il nuovo coronavirus si è diffuso in altri Paesi del mondo (qui la mappa per vedere il numero dei casi confermati) causando una vera e propria emergenza sanitaria internazionale.

I coronavirus si chiamano così per via delle punte da forma di corona che si trovano sulla loro superficie. A questa tipologia appartengono sia il temibile virus della SARS che nel 2003 provocò la morte di circa 800 persone nel mondo, sia la MERS che ha avuto inizio nel 2012 in Arabia Saudita e che ha fatto centinaia di morti.

Sintomi e diagnosi

I coronavirus sono virus che colpiscono le vie respiratorie, pertanto i sintomi nell’uomo includono febbre, rinite, tosse e difficoltà respiratorie. Il nuovo coronavirus cinese è pericoloso perché è molto contagioso (secondo gli studi, 1 persona infetta può contagiare fino a 4 persone), ma solo in rari casi, e quando gli infetti hanno problemi di salute e difese immunitarie molto basse, porta alla morte.

I sintomi del coronavirus sono comunemente:

  • naso che cola
  • mal di testa
  • febbre
  • tosse
  • respiro affannoso
  • bronchite
  • gola infiammata
  • sensazione di malessere diffuso

Nei casi più gravi il coronavirus causa:

  • polmonite
  • sindrome respiratoria acuta grave
  • insufficienza renale

Se il nuovo coronavirus presenta i sintomi dell’influenza e del raffreddore, come fare per riconoscerlo? Quanto sono gravi le infezioni causate dal 2019-nCoV?

Chi ha la febbre e presenta uno o più sintomi di quelli elencati sopra, dovrebbe rivolgersi al medico o fare una radiografia se nelle due settimane precedenti all’insorgenza dei sintomi ha avuto stretti contatti con pazienti affetti da coronavirus, ha fatto viaggi in aree a rischio, ha lavorato o frequentato strutture sanitarie in cui sono stati trattati pazienti con infezioni da 2019-nCoV.

Il periodo di incubazione (cioè il tempo necessario affinché non compaiano i sintomi dopo essere stati contagiati) è di 14 giorni.

Come specificato sul portale del Ministero della Salute, il vaccino antinfluenzale semplifica la diagnosi e la gestione dei casi sospetti, dati i sintomi simili tra coronavirus e influenza. Inoltre, riducendo le complicanze da influenza nei soggetti a rischio, aiuta a mantenere più efficienti i pronto soccorso.

Cause e contagio

La fonte dell’infezione che ha avuto origine a Wuhan non è ancora nota. I coronavirus sono zoonotici, ovvero si trasmettono dagli animali alle persone. Se la SARS è stata trasmessa dal gatto all’uomo e la MERS dal cammello dromedario, per il nuovo coronavirus 2020 gli animali sotto accusa sono serpenti e pipistrelli, possibili trasportatori di questo virus.

Attualmente le modalità con cui si contrae il virus e la portata del contagio sono oggetto di studio da parte della comunità scientifica, ma stando a quanto scoperto finora, la trasmissione da uomo a uomo avviene per via aerea e solo per stretto e prolungato contatto con individui sintomatici.

Come proteggersi

Per proteggersi dall’eventuale contagio, i medici raccomandano di lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche; di evitare di tossire e starnutire en plein air e di usare sempre il gomito flesso o un fazzoletto usa e getta (da buttare immediatamente nel cestino) e di lavare le mani subito dopo.

Si consigli inoltre di:

  • evitare di visitare i mercati di prodotti alimentari freschi di origine animale e di animali vivi
  • evitare il contatto con persone che hanno sintomi respiratori

Leggi anche Coronavirus: la mascherina serve davvero?

Cura e guarigione

Ad oggi non esiste un vaccino in grado di proteggere le persone da questo tipo di coronavirus, che è un nuovo ceppo, per cui la medicina sta ancora capendo come trattarlo. In attesa di una cura specifica per il nuovo coronavirus, che si presenta come una super-influenza, si stanno utilizzando trattamenti farmacologici previsti contro febbre alta e problemi respiratori.

I pazienti finora sono stati trattati con antinfiammatori, analgesici, antipiretici, dando molta importanza anche alla reidratazione. Tuttavia si è anche testata una cura alternativa: un paziente colpito da nuovo coronavirus in Cina è guarito ed è stato dimesso dall’ospedale dopo un trattamento combinato con un farmaco contro il virus dell’HIV.

Per curare il coronavirus gli antibiotici sono inutili. Possono quindi essere usati farmaci antivirali ma che servono solo a ridurre la gravità dei sintomi. Chi contrae la malattia deve essere ricoverato, ma il recupero dipende dalla forza del proprio sistema immunitario.

Il nuovo coronavirus ad oggi 31 gennaio ha causato 213 morti su un totale di 9.776 casi confermati.

Per saperne di più sul nuovo coronavirus, leggi anche:

Iscriviti alla newsletter Altre Rubriche per ricevere le news su Coronavirus

Condividi questo post:

Coronavirus: sintomi, contagio, cure e prevenzione

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.