Coronavirus, nuovo decreto in Gazzetta Ufficiale: le misure annunciate da Conte

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge 25 marzo 2020: inasprimento sanzioni e più potere alle Regioni. Le misure di contenimento non dureranno fino al 31 luglio 2020 ma saranno alleggerite molto prima. Qui il pdf del decreto.

Coronavirus, nuovo decreto in Gazzetta Ufficiale: le misure annunciate da Conte

Finalmente in Gazzetta Ufficiale il decreto legge n. 19 del 25 marzo con Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Il testo prevede sanzioni più severe per chi esce di casa senza un giustificato motivo e affida maggiori poteri alle Regioni, che potranno, quando e se necessario, emanare ordinanze anche più restrittive dei decreti. Per chi è positivo alla COVID-19 e viola la quarantena scatta il penale: si rischia la reclusione fino a 5 anni per reati contro la salute pubblica. Conte ha smentito che le restrizioni dureranno fino al 31 luglio, questa è solamente la data indicativa della durata dell’emergenza, e ciò non significa che le misure di contenimento debbano essere prolungate fino all’estate.

Le nuove disposizioni entrano in vigore da oggi 26 marzo 2020, congiuntamente all’elenco aggiornato delle attività aperte (lista che modifico quanto stabilito del DPCM del 22 marzo).

Le sanzioni per chi esce senza comprovati motivi di salute, lavoro o necessità schizzano fino a 3000 euro, multa ben più salata rispetto alla precedente che era di 206 euro. Smentito anche il sequestro dell’automobile ma la sanzione pecuniaria sarà aumentata di un terzo per chi si sposta con un veicolo.

Conte, nuovo decreto: no all’estensione fino al 31 luglio. Tutte le novità

Nel Consiglio dei Ministri di oggi, tante le novità arrivate. La più rilevante - la possibilità di estendere le misure di contenimento e prevenzione decise fino ad ora al 31 luglio 2020 - è stata smentita.

Conte ha spiegato:

“Si è creato un dibattito sull’emergenza che sarebbe stata prorogata fino al 31 luglio 2020. Abbiamo deliberato a fine gennaio lo stato di emergenza nazionale per uno spazio di sei mesi o comunque sino al 31 luglio 2020. Questo non significa che le misure restrittive che in questo momento sono in vigore saranno prorogate fino al 31 luglio 2020.
Siamo pronti ad allentare la morsa di queste misure e siamo fiduciosi che ben prima di quella scadenza si possa davvero tornare alle nostre abitudini di vita”.

Con il nuovo decreto legge si regolamenta più puntualmente i rapporti tra i DPCM emessi dal Governo e il Parlamento: si prevede che ogni decreto adottato dal Governo venga poi trasmesso ai presidenti delle Camere e che il presidente del Consiglio, o un delegato, vada a riferire ogni 15 giorni sulle misure adottate in sede parlamentare. In questo modo si vuole consentire che anche quest’ultimo possa seguire continuamente le misure adottate e gli strumenti di reazione posti in essere dal governo.

Il nuovo decreto legge ordina la disciplina dei provvedimenti già adottati e regolamenta anche i rapporti tra gli interventi del Governo e le Regioni. “Lasciamo che i presidenti delle Regioni possano adottare misure più restrittive e severe”, ha riferito Conte, ma “rimane la funzione di coordinamento e omogeneità degli interventi del Governo”.

Ecco il testo ufficiale pubblicato in Gazzetta:

Decreto legge n. 19 25/03/2020 Misure urgenti contro il coronavirus

Sanzioni più severe per i trasgressori

Cambiano le sanzioni: da adesso in poi chi non rispetta i divieti imposto rischia la multa da 400 euro a 3000 euro. La multa è aumentata di un terzo se il fatto è commesso in automobile e della metà in caso di violazioni reiterate.

Alimenti e carburanti garantiti

Garantiamo filiera alimentare e carburanti - e la ministra De Micheli adotterà un’ordinanza che consentirà di regolamentare l’orario di apertura in modo da assicurare il rifornimento di carburante in tutta la Penisola”, ha spiegato Conte.

Coronavirus, più autonomia a Sindaci e Regioni

Il nuovo decreto affronta anche uno dei temi più discussi del momento: il contrasto tra i decreti ministeriali e le ordinanze regionali. Questo prevede espressamente che i Presidenti di Regione potranno derogare, sospendere, implementare o estendere le misure di prevenzione e sicurezza del coronavirus in base alle esigenze del territorio. Queste misure dovranno poi superare il vaglio del Presidente del Consiglio, a cui viene riconosciuto il potere di intervento assoluto nelle situazioni di massima urgenza. Stessa cosa per i Sindaci: le ordinanze comunali dovranno però essere confermate nel più breve tempo possibile dai Governatori, pena la decadenza dei provvedimenti.

Rapporti con il Parlamento

Aumenta la trasparenza e la collaborazione tra Governo e Parlamento, soprattutto dopo le aspre critiche della minoranza che denunciava la carenza di democraticità della gestione dell’emergenza coronavirus. Conte ha ribadito che ogni provvedimento dovrà essere presentato ai Presidenti delle Camere e che ogni 15 giorni andrà di persona a riferire in Parlamento.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Primo Piano

Argomenti:

Coronavirus

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

Deremone • 2 settimane fa

Buonasera,

Ma siamo seri ? Sapete che questi provvedimenti non sono garantiscono una tutela consumatori ? Tutte quelle palestre che sono state chiuse faranno si recuperare i mesi perduti, ma continueranno ad addebitarci comunque il mensile, il motivo ? non sono loro a fare l’addebito ma si tratta di una ricorrenza automatica! chi ci risarcirà invece il tempo inutilizzato del nostro bell’abbonamento annuale atac ? Nessuno! il motivo ? bhe loro continuano a circolare, continuano a pagare il personale, il mantenimento delle vetture ecc., non si mettono di certo a fare una geolocalizzazione di chi si è mosso di casa usufruendo del servizio e chi no!

Si parlava di un tempo di incubazione di 14 giorni, si parlava di un virus che sopravvive in aria 30 minuti, sul ferro 15 e tanti piccoli accorgimenti che non si sa bene come li abbiano calcolati ma li davano per certi.
Un estensione fino al 31/07/2020 ? per quale motivo ? Sentendo i telegiornali si dice che i casi stiano diminuendo,come mai più si va bene e più si va male ?

Multe improponibili a chi campa di stipendio, specie per lo stipendio medio di 1300-1400, si parla di 4000 di multa, una volta che quel cristiano viene multato e non può pagare cosa succede ? viene arrestato ? incarcerato per cosa ? per essersi preso una boccata di aria fresca ? e mettiamo il caso che succeda, cosa accadrà una volta finiti i posti nelle carceri ? si comincerà a sparare a vista chiunque esca di casa ? questa situazione sta diventando ridicola e molto più grande di noi.

Guardate i grandi stati, quelli sempre prosperi, quelli che sono sempre stati guardati con invidia e desiderio, le mete più ambite, Olanda e America, in un primo momento decise a chiudere tutto un po perché il primo approccio è di irrazionale paura, ma si deve puntare specialmente in queste situazioni a distrarre il popolo, ad affrontare l’ostacolo piuttosto che evitarlo.

Trump voleva chiudere per 18 mesi tutto, poi ha razionalmente detto «se non ci ucciderà il coronavirus, moriremo per l’economia in crollo» e l’Olanda che nonostante il virus predilige ancora un paese che si allena e pensa alla propria salute all’aperto.

E quei giornalisti che vediamo in TV dicendo ai runner «ehi ma non puoi allenarti a casa ?» bhe non tutti hanno una vita avvantaggiata, in cui genitori con una buona istruzione finanziaria ti hanno pagato i migliori istituti e università, grazie ai quali fare carriera e non sentirsi delimitato da 4 mura, ebbene si !
Quel runner magari avrà sentito una morsa al cuore non potendo rispondere che non sarebbe riuscito ad allenarsi in una casa di 20mq, che riesce a pagare grazie ai sussidi.

Se vogliamo sensibilizzare facciamolo con sensibilità!

Se davvero siamo uno stato democratico, non sanzioniamo il popolo.

ASCOLTIAMO IL POPOLO!

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.