Coronavirus, nel nuovo decreto chiusura totale attività commerciali: testo e novità

Misure più restrittive contro il coronavirus nel nuovo decreto firmato da Conte. Chiusi negozi, bar, ristoranti e ogni attività che non offra servizi necessari. Supermercati e farmacie restano aperti, come banche e assicurazioni. Qui testo del decreto e novità.

 Coronavirus, nel nuovo decreto chiusura totale attività commerciali: testo e novità

Dopo l’estensione della zona rossa a tutto il territorio nazionale, adesso il Governo ha imposto nuove misure ancor più restrittive delle precedenti: chiusura totale di ogni attività commerciale che non offra servizi necessari, quindi negozi di abbigliamento, bar, pub, ristoranti e centri estetici. Lo scopo è ridurre al massimo gli spostamenti dei cittadini e di invitare tutti a stare a casa.

Resteranno aperti regolarmente supermercati, farmacie e parafarmacie, ma si si ricorda che è sempre necessario fare la fila rispettando le distanza di sicurezza di almeno un metro. Lo stop non riguarda le merci, quindi i negozi di alimentari saranno regolarmente approvvigionati.

Autobus, metropolitane, treni, aerei e tram continueranno a funzionare per permettere di andare al lavoro a chi non può usufruire dello smart working. L’invito però è quello di utilizzare i mezzi pubblici solo se strettamente necessario e di aver cura di stare a debita distanza dagli altri e lavarsi le mani adeguatamente. Le misure del nuovo decreto saranno in vigore fino al 25 marzo, salvo proroghe o diverse disposizioni.

Decreto 11 marzo 2020, chiusura totale contro il coronavirus: testo pdf e cosa prevede

Come chiedevano da giorni molti Governatori regionali, in primis Fontana della Regione Lombardia, per frenare l’emergenza coronavirus serve il pugno di ferro: chiusura totale delle attività tranne quelle strettamente necessarie. Soluzione che mette a dura prova l’economia italiana ma che pare essere l’unica in grado di arrestare il numero dei contagi.

Il nuovo decreto 11 marzo 2020 prevede le misure seguenti:

  • chiusura delle attività commerciali al dettaglio, sia di piccola che di grande produzione, ad eccezione di supermercati e farmacie. Chiusi anche i mercati rionali, tranne per la vendita dei generi alimentari.
  • chiuse le attività di ristorazione, quindi pub, bar, ristoranti e gelaterie, che possono sfruttare la consegna a domicilio. Le mense aziendali possono restare aperte, ma solo se consentono il rispetto delle distanze di sicurezza;
  • chiuse le attività per la cura e il benessere personale come parrucchieri, barbieri e centri estetici.

Qui il testo in pdf del DPCM 11 marzo 2020

DPCM 11 MARZO 2020

Nuovo decreto coronavirus: cosa resta aperto?

La stretta del Governo non riguarda supermercati, che resteranno sempre aperti ed è garantito l’approvvigionamento continuo e regolare (quindi non serve svuotare gli scaffali e fare grandi scorte alimentari), farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccai. Restano aperte banche, uffici postali, i servizi assicurativi e tutti gli esercizi del settore agroalimentare e zootecnico.

Dalle dichiarazione di Angelo Borrelli, Capo della Protezione civile, sembra che i cittadini, in caso di controllo da parte delle Autorità di vigilanza, debbano compilare e firmare l’autocertificazione in cui dichiarano i motivi dello spostamento, anche per fare la spesa. Prima, invece, questa era necessaria solo per spostamenti “rilevanti” che implicano grandi distanze e l’utilizzo di mezzi di trasporto pubblico o automobile. Restano consentiti gli spostamenti all’interno del Comune o sul territorio di un’altra Regione per ragioni di lavoro, salute e necessità.

Emergenza coronavirus: incentivate ferie e smart working

Per quanto riguarda le attività produttive, professionali e il lavoro dipendente, il nuovo decreto ministeriale ordina queste misure:

  • favorire il più possibile il lavoro da casa;
  • incentivare ferie e congedi retribuiti;
  • sospensione dei rami aziendali non indispensabili;
  • ove non è possibile lo smart working, provvedere a particolari protocolli igienico-sanitari, sanificazione degli ambienti e rispetto delle distanze di sicurezza tra i dipendenti;
  • limitare al massimo gli spostamenti, fuori e dentro il comparto aziendale.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Coronavirus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.