Coronavirus: ecco il decreto che blocca i confini in Lombardia e altre 14 province

Il decreto definitivo è arrivato: causa coronavirus sono chiusi i confini di Lombardia oltre a 14 province. Ecco il testo e tutte le disposizioni.

Coronavirus: ecco il decreto che blocca i confini in Lombardia e altre 14 province

Confini bloccati: nessuno entra o esce dalla Lombardia e altre 14 province italiane. Lo prevede quello che Giuseppe Conte ha chiamato «il decreto definitivo» sul contenimento del coronavirus. Solamente per questioni «gravi e indifferibili» si potrà rompere il divieto di ingresso e uscita.

L’attivazione, con un blocco dei confini de facto, in Lombardia e in alcune province in Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto, è prevista nelle prossime ore, mentre nel cuore della notte è arrivata la conferma dell’ufficialità del provvedimento stesso da parte del Consiglio dei Ministri.

Le nuove regole, come previsto nel testo della bozza trapelata, rimarranno attive almeno fino al 3 aprile 2020.

Coronavirus: confini di Lombardia e altre 14 province bloccati

Il testo del decreto recita:

"Misure urgenti del contenimento del contagio nella regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19 nella regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia sono adottate le seguenti misure:

a) evitare in modo assoluto ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo, nonché all’interno dei medesimi territori di cui al presente articolo, salvo che per gli spostamenti motivati da indifferibili esigenze lavorative o situazioni di emergenza;

b) ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5°C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e di limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante.

Di seguito il pdf con il testo completo:

Nello stesso decreto viene stabilita una «zona di sicurezza» dove non solo è prevista la chiusura delle scuole, ma anche quella di impianti sciistici, pubblici eventi, palestre, musei, teatri. Eccezion fatta per i concorsi dedicati al personale sanitario, ogni altro concorso pubblico è da ritenersi sospeso.

Le attività commerciali potranno rimanere aperte solo se verrà rispettato il limite di mantenere almeno un metro di distanza tra ogni individuo. In caso contrario sono previste sanzioni. Se il limite non può essere rispettato per questioni logistiche, l’esercizio deve rimanere chiuso.

Chiusure straordinarie anche per «le medie e grandi strutture di vendita» e per i negozi presenti nel centri commerciali nei festivi e prefestivi.

Si vieta l’accesso autonomo al pronto soccorso e negli ospedali nel caso di parenti e visitatori: l’ingresso è «limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura», chiamata a «adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione».

Chiese e altri luoghi di culto possono rimanere aperti, pur dovendo evitare «assembramenti di persone» ma sono state cancellate tutte le cerimonie civili e religiose, compresi matrimoni e funerali.

Chi non rispetterà tali regole potrà subire un arresto fino a tre mesi o sanzionato fino a 206 euro.

Sul fronte calcio e altri eventi sportivi, si legge:

«resta consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse».

Nuovi limiti e blocchi per coronavirus in tutta Italia

Tante le novità che sono arrivate con la versione definitiva del decreto: in tutte le parti d’Italia chiuderanno i battenti cinema, teatri, musei, feste pubbliche, discoteche e sale da ballo, sale giochi e scommesse, bingo, feste.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Lombardia

Argomenti:

Lombardia Coronavirus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.