Concorsi Polizia, Forze Armate, Vigili del Fuoco 2020: suddivisione posti, nuove procedure concorsuali

Sono previste quasi 4.000 assunzioni tra Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria e Vigili del Fuoco: ecco le nuove procedure concorsuali e la suddivisione dei posti disponibili.

Concorsi Polizia, Forze Armate, Vigili del Fuoco 2020: suddivisione posti, nuove procedure concorsuali

Novità e procedure concorsuali modificate, riguardano i concorsi per Polizia, Vigili del Fuoco e Forze Armate. Ad introdurle, l’art.259 del Decreto Rilancio del 19 maggio 2020 n.34 convertito in legge, con modificazioni, dalla Legge 17 luglio 2020 n.77. Sia per i concorsi indetti, sia per quelli di cui si attende ancora l’uscita dei bandi, c’è la possibilità di semplificare l’iter concorsuale, al fine di svolgere le prove in modalità decentrata e telematica.

Le nuove disposizioni sono state introdotte con l’obiettivo di prevenire possibili casi di contagio da COVID-19, evitando gli assembramenti e velocizzando la procedura. Tali misure resteranno in vigore fino al termine dello stato di emergenza correlato con la curva epidemiologica, in ogni caso, non oltre il 31 dicembre 2021.

Concorsi Forze Armate, Polizia, Vigli del Fuoco: le assunzioni previste entro il 31/12/2021

  • 939 unità nella Polizia di Stato;
  • 1.095 unità nell’Arma dei Carabinieri;
  • 552 unità nella Guardia di Finanza;
  • 463 assunzioni nella Polizia Penitenziaria;
  • 875 unità nei Vigili del Fuoco, di cui 492 da effettuare mediante nuovi concorsi in arrivo.

Nuove procedure concorsuali: le istruzioni principali per i candidati

  • misurazione della temperatura corporea con sistema a distanza all’accesso di ogni candidato per ciascuna prova selettiva;
  • compilazione di una autocertificazione che attesti l’assenza di condizioni fisiche e di salute ostative alla partecipazione alla prova concorsuale, ad esempio
    – non essere in quarantena o positivi al Covid-19;
    – non essere rientrati in Italia negli ultimi 14 giorni da uno Stato Estero per il quale è prevista la quarantena;
    – non provenire da un comune oggetto di provvedimento di divieto di allontanamento e/o di accesso per Covid;
    – non avere febbre con temperatura superiore a 37,5°C;
    – assenza di condizioni di tosse insistente, difficoltà respiratoria, raffreddore, mal di gola, cefalea, forte astenia, diminuzione o perdita di olfatto/gusto, diarrea;
    – assenza di contatti stretti con una persona affetta da COVID-19;
    – aver contratto il virus SARS-Cov2, con guarigione clinica e successiva
    effettuazione di almeno due tamponi a distanza di 24 ore risultati negativi, rispettando il periodo di quarantena;
  • non presentarsi se sintomatici;
  • presentarsi da soli e muniti di DPI (Mascherina chirurgica);
  • mantenere le distanze di sicurezza;
  • riduzione del numero giornaliero dei convocati, compatibilmente con l’organizzazione logistica e il tipo di prova;
  • divisione dei candidati in fasce orarie e in base al supporto logistico strutturale;
  • deposito di bagagli e oggetti personali in apposite buste di plastica con etichetta recante nome o numero identificativo del candidato, da riporre in apposita zona delimitata.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories