Come si verifica la scrittura privata?

La scrittura privata può essere verificata tramite un giudizio, proponibile sia in via principale che incidentale, da parte di chi ha interesse ad agire. Disciplina e differenze con la querela di falso.

Come si verifica la scrittura privata?

La scrittura privata apposta ad un documento ne prova l’autenticità e la provenienza e, inoltre, lo rende utilizzabile in giudizio. Tuttavia, può accadere che la persona che risulta come firmataria dell’atto disconosca la sua firma, rendendolo inutilizzabile.

A questo punto, chi ha un concreto interesse a dimostrare l’autenticità della firma può agire in giudizio mediante la procedura di verificazione della scrittura privata. La verifica della firma può essere proposta sia in via principale che in via incidentale e può coinvolgere ogni mezzo di prova possibile.

Se il giudice riconosce l’autenticità della sottoscrizione, la verifica della scrittura privata avrà l’effetto di rendere il documento utilizzabile come prova in giudizio o per compiere iscrizioni e trascrizioni.

Cosa vuol dire verificare una scrittura privata?

Verificare una scrittura privata significa accertare autenticità della sottoscrizione apposta ad un documento che è stato precedentemente disconosciuto.

Dunque, dopo il disconoscimento della parte, il documento è inutilizzabile. Per questa ragione, chi ha interesse a servirsi del documento a qualsiasi titolo, può proporre un’istanza di verificazione al giudice e, se l’accertamento sarà positivo, utilizzare il documento come mezzo di prova, come titolo per trascrizioni ed ogni altro possibile utilizzo.

La verificazione della scrittura privata può avvenire con ogni mezzo di prova, anche se il più delle volte il giudice decide di avvalersi della consulenza tecnica. Significa che tecnici esperti di grafia analizzeranno la sottoscrizione disconosciuta con un’altra dello stesso autore e decideranno se il disconoscimento è fondato oppure no.

Alla fine del procedimento di verificazione, se il giudice riconosce l’autenticità della sottoscrizione, condanna chi l’aveva disconosciuta al pagamento di una pena pecuniaria.

L’istanza di verificazione

Nel nostro ordinamento, il procedimento di verificazione della scrittura privata è disciplinato dall’articolo 216 del Codice di procedura civile. Si tratta di un’istanza proposta dal giudice a seguito del disconoscimento dell’autenticità di una sottoscrizione privata.

L’istanza di verificazione può essere proposta solo da chi ha un concreto interesse a verificarne la paternità, ad esempio chi vuole servirsi della scrittura privata come mezzo di prova in giudizi futuri o come titolo per trascrizioni o iscrizioni.

La verifica della scrittura privata può iniziare in due modi:

  • in via principale, mediante citazione;
  • in via incidentale, quindi nel corso di un altro giudizio, con dichiarazione resa a verbale o ricorso.

Nella prima ipotesi l’oggetto del giudizio è la sola verificazione dell’autenticità della sottoscrizione, nel secondo, invece, si tratta di un mero incidente istruttorio con la funzione di rendere utilizzabile un certo documento che è emerso nel procedimento già in corso.

Giudizio di verificazione e querela di falso: le differenze

Come abbiamo visto, il giudizio di verificazione della scrittura privata, sia esso proposto in via principale che incidentale, mira a verificare che la firma di un determinato atto sia autentica. Al contrario, il processo di querela di falso, ha una finalità più ampia:

  • provare la genuinità del documento;
  • accertare la provenienza dell’atto;
  • verificare la corretta attribuzione dell’atto a chi si proclama come il suo autore.

Inoltre, nel giudizio per verificare la scrittura privata il giudice ammette ogni tipologia di prova, anche se nella maggior parte dei casi si ricorre alla consulenza tecnica. Questo mezzo consiste nella comparazione grafica tra la sottoscrizione che deve essere sottoposta a verifica ed altre scritture riconducibili allo stesso autore.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Firma

Argomenti:

Firma

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \