Come si recuperano i vecchi CUD smarriti?

Le vecchie certificazioni possono essere utili per tenere traccia degli anni effettivamente lavorati e anche per contestare eventuali contributi mancanti dall’estratto conto contributivo.

Come si recuperano i vecchi CUD smarriti?

Essere in possesso dei CU (o CUD) rilasciati dal datore di lavoro negli anni passati è utile se, in futuro, ci si accorge che mancano versamenti contributivi o anche solo per tenere traccia degli anni effettivamente lavorati. La strada più semplice, ovviamente, è cercare di reperire la documentazione presso il datore di lavoro per cui si presta servizio (o per il quale si lavorava negli anni di riferimento) ma è da tenere presente che l’obbligo di mantenimento di tale documentazione si prescrive in 5 anni.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buona sera vorrei sapere se c’è un modo x recuperare alcuni cud di circa 20 anni fa che purtroppo perso (insieme alle buste paga 😳) in seguito a diversi cambi di casa , utili per effettuare il conto dei miei anni lavorativi . Ho provato più volte ad inviare una email all’ufficio dove ho lavorato senza ricevere risposta . Grazie”

Come recuperare vecchi CUD

Molto probabilmente, trattandosi di documentazione di 20 anni fa il suo datore di lavoro neanche ha più conservate le copie, visto che l’obbligo di conservazione è per soli 5 anni.

Se è a conoscenza di chi gestiva la parte di consulenza del lavoro potrebbe anche cercare di contattare il consulente del lavoro dell’ufficio per cui lavorava e provare a richiedere a loro la copia della documentazione che le occorre.

Come fare, quindi, a dimostrare redditi da lavoro e contributi maturati per quegli anni se non si riesce a reperire i vecchi CUD?

Una strada potrebbe essere rappresentata dalle vecchie dichiarazioni dei redditi. Se non ha conservato neanche queste può richiederle direttamente all’Agenzia delle Entrate attraverso la presentazione di una apposita domanda.

Per richiedere tale documentazione è necessario utilizzare il modello (scaricabile anche in rete) “Richiesta copia dichiarazione redditi”.

Una volta compilato il modello lo stesso deve essere presentato all’ufficio di competenza dell’Agenzia delle Entrate facendo anche il versamento di quanto dovuto con modello F23.

La richiesta delle vecchie dichiarazioni dei redditi, infatti ha un costo pari a 3,10 euro per la prima pagina e di 0,15 euro per ogni pagina successiva alla prima.
Oltre a questo è necessario pagare, poi, anche l’imposta di bollo di 16 euro per ogni 4 facciate richiesti (o per ogni 100 righi).

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

CUD

Iscriviti alla newsletter

Money Stories