La Cina (ancora debole) e l’inflazione da record scuotono i mercati

Violetta Silvestri

1 Giugno 2022 - 08:29

condividi

La Cina mostra ancora segni di debolezza dopo i rigidi blocchi per il Covid e l’inflazione vola su nuovi massimi in Europa: con queste premesse i mercati tentennano, cosa succede?

La Cina (ancora debole) e l'inflazione da record scuotono i mercati

Le azioni in Asia lottano per segnare un rialzo e i rendimenti obbligazionari estendono il loro rialzo nel mezzo di un dibattito sull’entità della stretta monetaria per combattere l’inflazione.

Il ritiro dei titoli tecnologici e le sfide alla riapertura sono stati un ostacolo a Hong Kong. I dati di produzione cinesi ancora lenti e la politica di Zero-Covid stanno pesando sulle azioni e sullo yuan.

In questa cornice, i Treasury sono in calo, spingendo i rendimenti a 10 anni più vicini al 2,9% mentre i trader alzano le scommesse sugli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve.

L’inflazione, intanto, non si ferma e in Eurozona segna nuovi record. Tutti fattori che non lasciano tranquilli gli investitori e mantengono alta la volatilità dei mercati.

Cina incerta nella ripresa, inflazione alle stelle: così i mercati oscillano

Azioni e obbligazioni lottano per registrare guadagni in Asia, mentre il dollaro Usa è salito, poiché gli investitori sono preoccupati per l’inflazione e per i rialzi dei tassi che possono bloccare la crescita globale.

Shanghai sta tornando alla normalità dai pesanti blocchi, ma poiché i dati hanno mostrato forti cali dell’attività industriale in tutta l’Asia a causa dell’appassimento della domanda cinese, il sollievo azionario è stato di breve durata.

L’impennata dei costi alimentari ed energetici ha portato l’inflazione della zona euro a un record dell’8,1% a maggio, secondo i dati di martedì, alimentando la preoccupazione per l’aumento dei tassi non solo in Europa ma a livello globale.

“Più i mercati si concentrano sui dati sull’inflazione e sull’azione della banca centrale, più è probabile che avremo un inizio d’estate accidentato per il sentimento di rischio e uno forte per il dollaro”, ha commentato l’analista di Société Générale Kit Juckes.

Il dollaro ha arrestato un calo di tre settimane e ha raggiunto un massimo di due di 129,23 yen alla fine della sessione asiatica. È salito su euro, sterlina, australiana e yuan.

Intanto, oggi la Federal Reserve degli Stati Uniti inizia a ridurre le disponibilità di asset accumulate durante la pandemia. I trader si aspettano che aumenterà i tassi di 50 bps alle riunioni di questo mese e del prossimo. Per il dopo c’è molta insicurezza e preoccupazione.

Argomenti

# Borse
# azioni

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.