Il cibo Made in Italy vale oltre 500 miliardi di euro

Violetta Silvestri

22 Ottobre 2021 - 15:44

condividi

Prima ricchezza d’Italia: così Coldiretti ha definito la filiera del cibo della nostra nazione, arrivata a valere oltre 500 miliardi di euro nel 2021. Tutti i numeri del successo economico.

Il cibo Made in Italy vale oltre 500 miliardi di euro

La filiera del cibo italiano ha un valore prezioso per l’economia nazionale: oltre 500 miliardi di euro nel 2021, con un +7% rispetto all’anno precedente.

Il Made in Italy a tavola, che raggruppa le attività di agricoltori e operatori di industrie e della grande distribuzione, sta crescendo sempre di più. Quanto vale? Tutti i numeri economici della produzione italiana del settore agroalimentare nei dati Coldiretti.

La ricchezza del cibo Made in Italy in numeri

La filiera agroalimentare vale 575 miliardi di euro nel 2021, diventando così una ricchezza preziosa ed esclusiva del PIL nazionale (ne rappresenta un quarto di valore).

Coldiretti, nella cornice di Tuttofood alla Fiera di Milano, ha confermato l’eccezionale valore economico della produzione di cibo italiano, che comprende le attività di agricoltura, industria, grande distribuzione, ristorazione.

Nello specifico, questi i numeri del successo dell’agroalimentare nostrano, sempre più riconoscibile e apprezzato:

  • 4 milioni di lavoratori impiegati nella filiera;
  • 740mila aziende agricole;
  • 70mila industrie alimentari;
  • oltre 330mila attività di ristorazione;
  • 230mila punti vendita al dettaglio

Non solo, Coldiretti ha sottolineato che l’Italia può vantare “la leadership Ue nel biologico con 80mila operatori, il maggior numero di specialità Dop/Igp/Stg riconosciute (316), 526 vini Dop/Igp e 5.266 prodotti alimentari tradizionali e con Campagna Amica la più ampia rete dei mercati di vendita diretta degli agricoltori.”

La nazione spicca in Europa anche per il primo posto nella produzione di riso, grano duro e vino e di molte verdure e ortaggi tipici della dieta mediterranea, oltre di frutta come mele, pere, kiwi, castagne.

Per rendere davvero redditizio per gli operatori e per il Made in Italy e l’economia nazionale questa filiera, si punta anche a progetti finanziati con il PNRR. Migliorare le vie di transito per l’export dei prodotti alimentari, per esempio, è fondamentale.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO