Chi è in quarantena può fare il vaccino?

Martino Grassi

25 Marzo 2021 - 12:09

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Chi è in quarantena può fare il vaccino? Ecco cosa dicono le procedure per le persone positive al coronavirus, o che hanno avuto un contatto stretto con un infetto.

Chi è in quarantena può fare il vaccino?

Chi è in quarantena può fare il vaccino? In tutta Italia continua la campagna di vaccinazione che nelle prossime settimane dovrebbe estendersi ancora di più, grazie all’arrivo del vaccino di Johnson & Johnson, arrivando a somministrare il vaccino a 500.000 persone al giorno. È questo l’ambizioso traguardo che si è prefissato il commissario per l’emergenza Covid Figliuolo.

Tuttavia le persone che hanno già ricevuto un appuntamento per farsi somministrare la prima o la seconda dose di vaccino, dovranno rimandare nel caso in cui siano positive al coronavirus o se sono stati a contatto con una persona infetta.

Chi è in quarantena può fare il vaccino?

Le persone che si trovano in isolamento o in quarantena non possono sottoporsi al vaccino, dal momento che sono tenuti a rimanere nelle proprie case e non uscire per alcun motivo, almeno fino al termine del periodo soglia indicato dalle autorità sanitarie.

Sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità infatti è possibile leggere: “I contatti stretti di COVID-19 dovrebbero terminare la quarantena di 10-14 giorni secondo quanto previsto dalle normative ministeriali vigenti prima di potere essere sottoposti a vaccinazione”.

Dunque, anche se si ha avuto un contatto stretto con una persona positiva, non ci si potrà recare al punto vaccinale per la somministrazione dell’antidoto, ma si dovrà attendere il periodo finestra e la quarantena, come previsto dalle attuali norme. Questo provvedimento è stato preso per evitare che gli operatori sanitari e le altre persone in coda per la vaccinazione vengano contagiate da una persona infetta. Proprio per questo motivo, nel caso in cui si abbia un appuntamento per effettuare il vaccino, ma si abbiano anche i sintomi riconducibili al Covid-19 è necessario contattare il proprio medico di famiglia.

Una volta superata l’infezione o il periodo finestra, si potrà prendere un nuovo appuntamento per effettuare la vaccinazione secondo le priorità e nei tempi indicati dalle autorità.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories