Certificati a capitale non protetto: cosa sono, come funzionano e caratteristiche

Guida completa al funzionamento dei certificati a capitate non protetto, strumenti di investimento di medio e lungo periodo che permettono all’investitore di partecipare linearmente alle performance del sottostante di riferimento. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Certificati a capitale non protetto: cosa sono, come funzionano e caratteristiche

I certificati a capitale non protetto sono una delle tre categorie con cui ACEPI suddivide l’universo degli Investment Certificates.

La peculiarità di questa tipologia di Certificates è quella di non contemplare alcun livello (barriera) o condizione di protezione sul capitale investito nello strumento. I certificati a capitale non protetto infatti consentono agli investitori di investire in un determinato sottostante esponendosi alla performance realizzata da quest’ultimo, sia al ribasso che al rialzo, in maniera lineare (Benchmark Certificates) o con effetto leva (Outperformance Certificate).

Emessi dalle maggiori istituzioni finanziarie che si occupano della loro costruzione e successivo collocamento in Borsa, i certificati a capitale non protetto (come del resto tutte le altre tipologie di Investment Certificates) sono negoziabili in Italia sul segmento SeDeX di Borsa Italiana o sul circuito Cert-X di EuroTLX secondo gli orari di ciascun mercato. La liquidità è costantemente garantita dalla presenza di un market maker, tipicamente il trading desk dell’emittente.

Leggi anche:

Certificati a capitale non protetto: cosa sono e come funzionano

Come gli altri Investment Certificates, anche i certificati a capitale non protetto sono strumenti finanziari derivati utilizzati per replicare le performance di un’attività finanziaria sottostante, sia essa un indice, un’azione, una commodity, una valuta, un fondo o un ETF.

Dal punto di vista meramente tecnico, la struttura del payoff dei certificati a capitale non protetto è la più semplice fra tutte le tre tipologie di Investment Certificates. Questo perché, come abbiamo scritto, questi certificati si limitano a riprodurre in maniera lineare, salvo l’eccezione degli Outperformance che sono gli unici certificati di questa categoria a contemplare l’effetto leva (solo per i rialzi), il payoff del sottostante.

Logicamente anche i certificati a capitale condizionatamente protetto, una volta violata la condizione di protezione del capitale (la barriera), acquisiscono le peculiarità proprie dei certificati a capitale non protetto, ossia replicano in maniera lineare il sottostante.

Le tre declinazioni dei certificati a capitale non protetto

All’interno della subcategoria dei certificati a capitale non protetto si possono distinguere tre tipologie principali di strutture:

  • Benchmark Certificates,
  • Discount Certificates,
  • Outperformance Certificates.

Tra questi ultimi il Benchmark certificate è il più semplice, poiché consente una replica lineare del sottostante. Anche noti commercialmente come Tracker Certificate, i Benchmark sono strumenti il cui valore in ogni momento è pari al livello dell’attività sottostante moltiplicato per il suo multiplo.

Concettualmente il payoff di un certificato Benchmark è simile a quello derivante da un investimento in ETF: le uniche differenze sono legate ad un diverso rischio emittente ed una maggior efficienza fiscale del Certificate. A favore dell’ETF vi è invece la possibilità di beneficiare di eventuali proventi periodici (dividendi), presenti invece in quest’ultimo.

Certificati a capitale non protetto: a quali investitori sono rivolti?

Date le loro peculiarità i certificati a capitale non protetto sono rivolti ad investitori evoluti con un’alta propensione al rischio e con una visione chiaramente direzionale sull’attività finanziaria su cui investono.

Iscriviti alla newsletter Risparmio e Investimenti per ricevere le news su Certificati a capitale non protetto

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.