Certificati a capitale non protetto: cosa sono, come funzionano e caratteristiche

Ufficio Studi Money.it

31/05/2019

Guida completa al funzionamento dei certificati a capitate non protetto, strumenti di investimento di medio e lungo periodo che permettono all’investitore di partecipare linearmente alle performance del sottostante di riferimento. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Certificati a capitale non protetto: cosa sono, come funzionano e caratteristiche

I certificati a capitale non protetto sono una delle tre categorie con cui ACEPI suddivide l’universo degli Investment Certificates.

La peculiarità di questa tipologia di Certificates è quella di non contemplare alcun livello (barriera) o condizione di protezione sul capitale investito nello strumento. I certificati a capitale non protetto infatti consentono agli investitori di investire in un determinato sottostante esponendosi alla performance realizzata da quest’ultimo, sia al ribasso che al rialzo, in maniera lineare (Benchmark Certificates) o con effetto leva (Outperformance Certificate).

Emessi dalle maggiori istituzioni finanziarie che si occupano della loro costruzione e successivo collocamento in Borsa, i certificati a capitale non protetto (come del resto tutte le altre tipologie di Investment Certificates) sono negoziabili in Italia sul segmento SeDeX di Borsa Italiana o sul circuito Cert-X di EuroTLX secondo gli orari di ciascun mercato. La liquidità è costantemente garantita dalla presenza di un market maker, tipicamente il trading desk dell’emittente.

Leggi anche:

Certificati a capitale non protetto: cosa sono e come funzionano

Come gli altri Investment Certificates, anche i certificati a capitale non protetto sono strumenti finanziari derivati utilizzati per replicare le performance di un’attività finanziaria sottostante, sia essa un indice, un’azione, una commodity, una valuta, un fondo o un ETF.

Dal punto di vista meramente tecnico, la struttura del payoff dei certificati a capitale non protetto è la più semplice fra tutte le tre tipologie di Investment Certificates. Questo perché, come abbiamo scritto, questi certificati si limitano a riprodurre in maniera lineare, salvo l’eccezione degli Outperformance che sono gli unici certificati di questa categoria a contemplare l’effetto leva (solo per i rialzi), il payoff del sottostante.

Logicamente anche i certificati a capitale condizionatamente protetto, una volta violata la condizione di protezione del capitale (la barriera), acquisiscono le peculiarità proprie dei certificati a capitale non protetto, ossia replicano in maniera lineare il sottostante.

Le tre declinazioni dei certificati a capitale non protetto

All’interno della subcategoria dei certificati a capitale non protetto si possono distinguere tre tipologie principali di strutture:

  • Benchmark Certificates,
  • Discount Certificates,
  • Outperformance Certificates.

Tra questi ultimi il Benchmark certificate è il più semplice, poiché consente una replica lineare del sottostante. Anche noti commercialmente come Tracker Certificate, i Benchmark sono strumenti il cui valore in ogni momento è pari al livello dell’attività sottostante moltiplicato per il suo multiplo.

Concettualmente il payoff di un certificato Benchmark è simile a quello derivante da un investimento in ETF: le uniche differenze sono legate ad un diverso rischio emittente ed una maggior efficienza fiscale del Certificate. A favore dell’ETF vi è invece la possibilità di beneficiare di eventuali proventi periodici (dividendi), presenti invece in quest’ultimo.

Certificati a capitale non protetto: a quali investitori sono rivolti?

Date le loro peculiarità i certificati a capitale non protetto sono rivolti ad investitori evoluti con un’alta propensione al rischio e con una visione chiaramente direzionale sull’attività finanziaria su cui investono.

Da non perdere su Money.it

Money academy

Questo articolo fa parte delle Guide della sezione Money Academy.

Visita la sezione

Iscriviti a Money.it