Certificati StayUP e StayDOWN: cosa sono, caratteristiche e funzionamento

Guida completa al funzionamento dei certificati StayUP e StayDOWN, strumenti d’investimento che possono essere sfruttati in ottica rialzista e ribassista dagli investitori. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Certificati StayUP e StayDOWN: cosa sono, caratteristiche e funzionamento

Gli StayUP e gli StayDOWN Certificates sono degli strumenti derivati che permettono all’investitore di guadagnare se l’attività finanziaria sottostante si mantiene nel corso della vita del Certificate al di sotto (StayDOWN) o al di sopra (StayUP) di un determinato livello di prezzo. In sostanza l’investitore trova giovamento con andamenti non direzionali dei mercati e in scenari moderatamente crescenti o moderatamente ribassisti.

Appartenenti alla categoria ACEPI dei Certificati esotici, i Certificate StayUP e StayDOWN hanno la peculiarità di premiare l’investitore pagando un importo fisso prestabilito per ogni Certificate in portafoglio.

Unica condizione per ottenere questo importo è che il valore dell’attività finanziaria sottostante si mantenga sempre nel corso della vita del Certificate sopra (Certificate StayUP) o sotto (StayDOWN) un determinato livello di prezzo fissato in fase di emissione e chiamato Barriera.

Quotati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana e sono negoziabili nei giorni di Borsa aperta dalle 9:05 alle 17:30, i Certificati StayUP e StayDOWN sono adatti a investitori evoluti.

Si tratta infatti di prodotti a complessità molto elevata, altamente speculativi e che presuppongono un approccio di breve termine e un monitoraggio continuo da parte dell’investitore. Attualmente sono emessi sul mercato italiano esclusivamente da Société Générale.

StayUP e StayDOWN certificates: caratteristiche e funzionamento

Per la loro struttura di pagamento, questi Certificate richiamano per certi versi i Corridor Certificate. Rispetto a quest’ultima tipologia di strumenti, la differenza sostanziale e fondamentale degli StayUP e StayDOWN Certificate è quella di avere una sola Barriera, inferiore o superiore a seconda delle caratteristiche specifiche del prodotto, da rilevare. Di stile americano, e quindi misurata in continuo, la Barriera se toccata o superata porta il Certificate a scadere anticipatamente e l’investitore a perdere integralmente il premio pagato.

I Certificati StayUP vengono emessi con una Barriera inferiore al prezzo del sottostante, i Certificate StayDOWN invece hanno una Barriera fissata a un valore superiore a quello del sottostante rilevato in fase di emissione.

Questa tipologia di Certificati è dotata di un effetto leva. Il loro prezzo varia infatti all’interno di un range compreso tra gli 0 euro e il prezzo dell’importo fisso finale previsto in fase di emissione. I Certificati StayUP e StayDOWN attualmente sul mercato riconoscono un importo fisso finale di 10 euro, motivo per cui il loro prezzo varia all’interno dell’intervallo 0-10 euro. Il prezzo del Certificate dipende dalla vicinanza delle quotazioni del sottostante al livello Barriera: più il prezzo del Certificate sarà basso e vicino allo zero, più elevata sarà la quota di rischio attribuita all’evento Barriera.

Per quanto riguarda il fattore tempo, anche in questo caso la struttura dei Certificate StayUP e StayDOWN richiama quella dei Corridor Certificate. Se per i Covered Warrant il tempo e il suo scorrere sono un elemento negativo nel pricing, per questi Certificate rappresenta un fattore positivo. Con l’avvicinarsi alla scadenza del Certificate si riduce infatti la possibilità che il sottostante vada a toccare o superare il livello Barriera.

Gli scenari per gli investitori

Come abbiamo visto, la struttura del pay-off di questi prodotti è molto semplice e binaria. L’investitore si trova infatti davanti a due possibili scenari. Il primo è quello in cui alla scadenza del Certificate, il valore del sottostante è sopra (Certificate StayUP) o sotto (Certificate StayDOWN) il livello Barriera. In quel caso ottiene per ogni Certificate in portafoglio il pagamento dell’importo fisso prestabilito. Se invece il sottostante ha toccato o superato il livello Barriera, l’investitore perde tutti i soldi pagati per acquistare il Certificate.

L’oscillazione delle quotazioni del Certificate in base alla vicinanza o lontananza dal livello Barriera, pur limitato all’interno dell’oscillazione di prezzo indicata in precedenza (0-10 euro) permette tuttavia di usare questi strumenti in un’ottica di trading. Non occorre dunque portare a scadenza lo strumento per incassare l’importo fisso prestabilito.

Gli investitori più esperti e dinamici possono sfruttare la vicinanza a determinati livelli di prezzo, supporti o resistenze, per sviluppare delle strategie di trading di breve. Il guadagno in questo caso sarà dato dalla differenza tra prezzo di acquisto e di vendita del Certificate, al netto dei costi di negoziazione dei singoli intermediari.

Money academy

Questo articolo fa parte delle Guide della sezione Money Academy.

Visita la sezione

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories