Certificates discount: cosa sono e come funzionano?

Lorenzo Baldassarre

25/10/2017

05/04/2018 - 11:21

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Certificati a capitale non protetto. Acquisto a prezzo scontato del sottostante, ma presenza di un cap, ovvero un limite oltre il quale si rinuncia al guadagno. Capitale a rischio in caso di eccessiva performance negativa.

I certificates discount sono dedicati a coloro che puntano a un moderato guadagno senza esporsi eccessivamente. È possibile acquistare il sottostante a prezzo scontato, in cambio bisogna però rinunciare al rialzo dello stesso oltre una soglia chiamata cap. Vediamo i dettagli di questo strumento finanziario.

Certificates discount: cosa sono?

I certificati discount sono uno strumento finanziario a capitale non protetto, come i benchmark, che abbiamo già trattato.
Facciamo un ripasso dei nomi, per poi andare a spiegarli in modo più dettagliato:

  • Prezzo di acquisto: questo prezzo non è pari al tasso corrente del sottostante, ma è di entità inferiore. Si tratta infatti di uno sconto.
  • Sottostante: indice al quale è legato il sottostante. Comunemente si tratta di un’azione, ma può anche essere un tasso di interesse, una materia prima e così via.
  • Cap: livello oltre il quale la partecipazione al rialzo termina. Sostanzialmente superato questo livello l’investitore non otterrebbe nessun guadagno.
  • Multiplo: quantità di sottostante posseduta dal certificato.
  • Scadenza: momento in cui scade il certificato.

Come funzionano i certificati discount?

Per poter spiegare in modo esauriente come funziona un certificato discount è preferibile fornire un esempio concreto.

Un cliente si reca in banca X e richiede un certificato discount, legato al sottostante Y, che si tratta di un’azione. Il multiplo è pari a 200 e la scadenza a 1 anno. Il cap sull’azione Y è fissato a 3,5€, l’azione al momento dell’acquisto è valutata 3€, ma viene acquistata dal cliente a 2,5€ l’una, spendendo quindi 500€ (200*2,5). Dopo un anno avremo le seguenti ipotesi:

  • : L’azione viene valutata 4€ l’una. Il cap era fissato a 3,5€, quindi qui finisce la partecipazione al rialzo. Ogni azione ha subito un incremento di 1€ (3,5-2,5), moltiplicata per il suo multiplo (200) il risultato è 200€, somma che il cliente riceverà, oltre al capitale investito.
  • : Il valore dell’azione è pari a 2,8€. Nonostante il sottostante abbia avuto una performance negativa, il cliente ha ottenuto un surplus, oltre alla somma inizialmente elargita. Infatti avendole pagate 2,5€ l’una, egli riceverà un guadagno di 0,3€ per il multiplo, dunque 60€ (200*0,3).
  • : l’azione è valutata 1€ l’una. Il cliente riceverà indietro il suo multiplo col nuovo prezzo corrente, dunque 200€. La perdita è stata di 300€, dato che l’investimento iniziale era di 500€.

Vantaggi e svantaggi dei certificati discount

La peculiarità di questo tipo di certificati è la possibilità di ottenere un guadagno anche se la performance del sottostante fosse negativa, come abbiamo visto nell’ipotesi 2. Partire con il prezzo scontato è una certamente un vantaggio per l’investitore e questo strumento è particolarmente adatto a chi soffre di ansia finanziaria.

Gli svantaggi possono essere principalmente due. Il primo è relativo al mancato guadagno in caso di grande rialzo del sottostante. Se si ha una percezione positiva su un indice azionario, il certificato discount non è chiaramente la scelta più appropriata.

L’altro svantaggio è quello relativo ai certificati a capitale non protetto, ovvero l’assenza del livello di barriera, sebbene in un certo senso il prezzo scontato costituisce di per sé un livello di sicurezza.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories