Il car sharing, letteralmente la condivisione dell’automobile, altri non è che un servizio di autonoleggio a breve termine che consente di prenotare una vettura tramite app, direttamente dal proprio smartphone, restituendola semplicemente parcheggiandola in appositi spazi dedicati.

Una proposta quella del car sharing che permette di risparmiare sui costi dell’auto, ma di muoversi agevolmente per la città. I servizi di car sharing sono sempre più apprezzati dagli italiani, che anno dopo anno decidono di affidarsi a queste proposte per riuscire a risparmiare sui costi dell’auto.
In questo nostro articolo vogliamo spiegarvi come funziona il servizio di car sharing, quanto costa e quali proposte sono attive in Italia.

Car sharing: ecco come funziona

Il funzionamento di queste proposte di noleggio auto è molto semplice: gli utenti possono infatti accedere al car sharing mediante un’applicazione scaricata sul proprio smartphone con la quale è possibile ottenere l’accesso ad uno dei veicoli messi a disposizione dal servizio di riferimento. Ovviamente prima bisognerà effettuare la registrazione nell’app in maniera da poter accedere al servizio indicando la città in cui ci si trova e in cui si vuole usufruire del servizio oltre che i propri dati personali.

Una volta scaricata l’applicazione, per cercare la vettura più vicina basta utilizzare la funzione di geolocalizzazione del proprio telefono che vi segnalerà i veicoli vicini alla vostra posizione. Arrivati alla vettura non dovrete far altro che seguire le istruzioni dell’app per riuscire a sbloccare l’auto e a iniziare il vostro viaggio.
Vi segnaliamo anche che sono in aumento le società di car sharing disposte ad offrire modalità più flessibili di utilizzo, senza prevedere parcheggi “prestabiliti”.

Il car sharing offre molti vantaggi tra i quali avere a disposizione un veicolo solo quando serve, aggirare eventuali blocchi del traffico, entrare in zone ZTL, non avere problemi di parcheggio. Inoltre il car sharing è particolarmente indicato per chi vive in grandi città e percorre solitamente solo poche migliaia di km l’anno.
Oltre che per i privati questa proposta è particolarmente conveniente per imprese e professionisti, in quanto costi di noleggio e abbonamento per le aziende e società che utilizzano il servizio sono deducibili fiscalmente.

Car sharing costi e tariffe

Il car sharing attualmente è presente solo in alcune città italiane. Citiamo tra queste Roma, Milano, Torino, Bologna, Firenze, Parma, Napoli, Brescia, Genova, Savona, Venezia, Padova, Catania e Palermo. Ciascuna città propone ai suoi abitanti servizi differenti; di seguito vediamo alcune delle principali aziende che offrono servizi di car sharing in Italia, le loro tariffe e i servizi offerti.

  • Car2Go

Car2Go è una compagnia di car sharing che opera a Milano, Roma, Torino e Firenze. Facendo parte del gruppo tedesco di Daimler, questo servizio propone solo auto del marchio Smart. I costi attuali sono di:

  • 19 centesimi al minuto per la Fortwo;
  • 21 centesimi al minuto per la Forfour;
  • 29 centesimi al minuto per la Fortwo Cabrio.

Car2Go offre come alternativa la possibilità di acquistare pacchetti orari con un noleggio dalla durata massima di 24 ore. Occorre inoltre ricordare che al momento dell’iscrizione al servizio si dovranno pagare 9 euro.

  • DriveNow

DriveNow è un servizio di car sharing che al momento in Italia è attivo solo a Milano e che adesso è stato rinominato ShareNow. Il servizio nasce grazie alla partnership tra il gruppo BMW e gli spagnoli di Sixt SE e propone diverse auto a marchio BMW e Mini da tre e cinque porte. Al momento dell’iscrizione occorre pagare 10 euro, mentre ci vorranno 31 centesimi al minuto per mettersi alla guida di una Mini e 34 centesimi se si opta per una BMW. È possibile anche attivare diversi pacchetti per rendere l’esperienza ancora più conveniente.

  • Enjoy

Altro servizio di car sharing molto famoso nel nostro paese è Enjoy. Esso fa parte del gruppo Eni e opera in cinque città: Firenze, Milano, Roma, Torino e Bologna. È possibile noleggiare due Fiat, la city car 500 e il capiente Doblò Cargo. Le tariffe generali prevedono il pagamento di 25 centesimi al minuto per i primi 50 chilometri, dopo i quali ogni chilometro aggiuntivo costa ulteriori 25 centesimi. Se si desidera utilizzare una Fiat 500 per l’intera giornata si dovrà effettuare una spesa di 50 euro, mentre per quanto riguarda la Doblò la tariffa giornaliera è di 80 euro.

  • Sharengo

Nel sempre più ampio settore del car sharing in Italia, un’azienda che di recente è riuscita a farsi notare è Sharengo. Le città italiane in cui al momento questo servizio è disponibile sono Milano, Roma e Firenze. Questa azienda che appartiene al gruppo CS, utilizza una comoda vettura elettrica a due posti in grado di non generare alcun rumore.
La tariffa di base prevede un costo di 28 centesimi al minuto. Si può anche scegliere di pagare 12 euro all’ora o 50 al giorno nelle varie formule previste da Sharengo.

  • Ubeeqo

Concludiamo questo breve elenco dei maggiori fornitori di car sharing in Italia con Ubeeqo, che in questo momento funziona solo a Milano, ma che sembra un servizio destinato ad ampliare in tempi brevi i suoi orizzonti arrivano anche in altre importanti città italiane. A proposito di questo servizio diciamo subito che è possibile scegliere tra due tipi di tariffe:

  • Easy che non prevede alcun costo di iscrizione, ma 5 euro all’ora e 39 al giorno per ogni vettura;
  • Flexy che prevede un canone da 5 euro al mese e spese a partire da 2,20 euro all’ora e 29 al giorno.

La flotta di auto di Ubeego è molto ampia e prevede vetture di case automobilistiche importanti come Fiat, Renault, Opel, Ford, Citroen e Smart.