Come investono i calciatori i propri soldi? Gli affari e i flop dei vip del pallone

Tra operazioni redditizie e clamorosi flop, ecco come alcuni campioni del calcio hanno deciso di investire i soldi guadagnati durante la loro carriera.

Come investono i calciatori i propri soldi? Gli affari e i flop dei vip del pallone

C’è chi ha deciso di puntare tutto sull’allevamento dei molluschi e chi invece si è dedicato al più sicuro settore del mattone. Ci si può sbizzarrire nel leggere come alcuni vip del pallone hanno deciso di investire i propri soldi, ma non sempre queste operazioni si sono poi rivelate redditizie.

Famoso a riguardo è il caso di Gianluigi Buffon, pessime la sue avventure alla guida della Carrarese e della Zucchi, ma non mancano al contrario esempi di altri campioni del calcio che invece hanno saputo far fruttare al meglio i propri investimenti.

Gli investimenti dei calciatori

Se una volta c’era il mito del posto fisso in banca per indicare il raggiungimento di una tranquillità economica, al giorno d’oggi l’asticella si è alzata e sono i calciatori il termine di paragone per quanto riguarda il benessere.

Il pallone è ormai diventato un business globale e i grandi campioni sono pagati e ricercati dagli sponsor come fossero delle affermate star di Hollywood. Per capire le cifre che girano nella nostra Serie A, basta dare un’occhiata agli ingaggi dei club in questa stagione.

Lasciando stare i più pagati, con gli stipendi netti di Higuain o Bonucci che superano i 7 milioni a stagione, è emblematico vedere come un giovane di una provinciale possa vantare come minimo un contratto da 50.000 euro l’anno.

Quanto di voi conoscono Antonio Santurro? Si tratta del terzo portiere del Bologna, che nella passata stagione ha potuto contare su uno stipendio da 100.000 euro netti l’anno, praticamente più di un dirigente d’azienda.

Se guadagna queste cifre un portiere di riserva, figuriamoci un top player mondiale a cui si devono aggiungere anche i remunerativi contratti con gli sponsor.

Tanti soldi che però devono in qualche modo essere investiti, con i grandi campioni del presente e del recente passato che quasi tutti hanno deciso di affidarsi al settore immobiliare.

  • Cristiano Ronaldo: hotel cinque stelle “Seven” a Vilamoura nel Portogallo meridionale oltre che una linea di abbigliamento intimo “CR7 Underwear”.
  • Lionel Messi: assieme al padre è proprietario dell’agenzia immobiliare Limeca oltre che di un enorme circolo sportivo da 80 ettari.
  • David Beckham: con la Beckham Brand Holdings, soltanto sfruttando i diritti di immagine dell’ex calciatore e della sua signora, nell’ultimo anno la coppia ha prodotto dividendi per 38 milioni di euro.
  • Gennaro Gattuso: nel 2006 ha aperto la ditta Gattuso & Catapano che si occupa di depurazione e allevamento di molluschi a Corigliano Calabro.
  • Paolo Maldini: proprietario e fondatore assieme ad altri soci della squadra Miami Fc, che partecipa alla North American Soccer League negli Stati Uniti.
  • Gianluigi Buffon: dopo i pessimi affari con la Zucchi e la Carrarese, la GB Holding srl ora vanta solo alcune partecipazioni in società che operano nell’immobiliare.
  • Francesco Totti: ha investito nel mattone anche il Pupone, che con la sua holding la Number Ten controlla sette società attive soprattutto nel settore immobiliare.
  • Antonio Benarrivo: dopo essersi ritirato nel 2004 ha aperto una impresa edile nella sua Brindisi.
  • Kakhaber Kaladze: in parallelo alla carriera politica, l’ex difensore del Milan ha avuto fino al 2009 il 15% delle quote del ristorante Giannino. Al momento è proprietario di un ristorante a Kiev, dove ha anche un albergo mentre un secondo hotel è situato nel Mar Nero. Ha fondato anche la holding Kala Capital con lo scopo di attrarre investimenti in Georgia.
  • Francesco Coco: dopo aver lavorato a Dubai nel campo della ristorazione, nel 2017 si è dato alla moda creando in collaborazione con il marchio Via Calzabigi una linea di calze da uomo.
  • Andrea Pirlo: oltre ad aver investito nell’azienda della famiglia, il gruppo siderurgico ELG Steel, ha investito nel campo vinicolo rilevando nel 2007 la società Agricola Pratum Coller. Inoltre l’ex centrocampista ha quote anche in alcune società operanti nel campo immobiliare.

Allevamento di molluschi, linee di abbigliamento e squadre di calcio, sono varie le tipologie di investimenti operate dai vip del pallone ma, alla fine, quasi tutti per non rischiare di veder dilapidato il proprio patrimonio si sono rifugiati nel buon vecchio mattone.

I flop e i grandi affari

La carriera media di un calciatore di Serie A è di quindici anni, di cui non tutti spesso giocati ad alti livelli. Tra ingaggi, premi e sponsor, alla fine un buon giocatore al momento della fatidica decisione di appendere le scarpette al proverbiale chiodo può fare affidamento comunque su un lauto conto in banca.

Un bel gruzzoletto che però, considerato soprattutto il tenore di vita a cui spesso si è abituati, non può durare in eterno e così per far fruttare al meglio i soldi guadagnati in carriera occorre effettuare degli investimenti.

A Gianluigi Buffon non è andata molto bene, con alcune sue avventure finanziarie che si sono rivelate degli autentici flop. Tra luci e ombre invece sono state le scelte di Francesco Totti, che comunque può consolarsi con felici acquisizioni immobiliari.

In Spagna al contrario non sbagliano un colpo: nonostante i guai con il fisco iberico, Cristiano Ronaldo e Messi stanno facendo fruttare alla grande i soldi guadagnati dimostrando che, anche dal punto di vista degli investimenti, il calcio italiano deve prendere esempio da quanto viene fatto all’estero.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Investimenti

Argomenti:

Investimenti Calcio

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.