Btp, rendimenti ai minimi da metà febbraio. I motivi

Pierandrea Ferrari

4 Agosto 2021 - 15:01

condividi

A trainare gli acquisti dei titoli di Stato, dal Btp a dieci anni al Bund di pari durata, l’incertezza legata alla variante Delta.

Btp, rendimenti ai minimi da metà febbraio. I motivi

Questa mattina i rendimenti del Btp a dieci anni, titolo di riferimento tra le obbligazioni emesse dall’Italia, sono scesi a quota 0,547%, di fatto il livello più basso di quasi 6 mesi, e più precisamente dallo scorso 15 febbraio. Giù anche i tassi del pari durata tedesco, il Bund, che torna sotto zero a -0,490%. In calo a 105,20 punti base, rispetto ai 106pb della chiusura di seduta di ieri, lo spread (differenziale di rendimento) Btp/Bund.

Btp, rendimenti ai minimi da metà febbraio. I motivi

A trainare gli acquisti dei titoli di Stato, causando una picchiata dei tassi, sono i chiari di luna sul fronte pandemico, con la nuova variante del virus - nota come Delta o indiana - che sta innescando l’ennesima ondata di contagi. Solo la vaccinazione a tappeto sta riuscendo ad impedire che l’aumento delle infezioni si traduca in una crescita proporzionale delle ospedalizzazioni e dei decessi, ma l’impennata dei casi è comunque sufficiente a gettare ombre sulla possibilità più volte ventilata di una rapida ripresa economica.

A riflettere le preoccupazioni circa la variante Delta e il ritmo dei contagi c’è il PMI composito e dei servizi dell’Eurozona relativo allo scorso mese di luglio, che evidenzia il trend di crescita nel vecchio continente ma anche il peso della pandemia sulle aspettative del settore terziario. Il Pmi composito dei servizi si è attestato a quota 60,2 punti, in miglioramento rispetto al precedente 59,5 ma sotto le attese di 60,6. Sulla stessa linea l’indice dei direttori agli acquisti del settore, che ha centrato quota 59,8 punti contro il consensus di 60,4.

Occhi puntati sul Treasury USA

Ora, gli occhi puntano sui dati macro statunitensi, dal Pmi servizi alla statistica Adp sugli occupati nel settore privato, potenzialmente in grado di impattare sul Trasuray a dieci anni, benchmark dell’obbligazionario USA, ora a 1,182%, e consequenzialmente sul mercato europeo. Prossimi appuntamenti chiave il meeting di Jackson Hole della Fed, in calendario il 26 agosto, e soprattutto la riunione del Fomc di settembre, da cui si attendono novità sul fronte tapering.

Argomenti

# Italia
# BTP
# Bond

Iscriviti a Money.it