Brexit: cosa sta succedendo?

Cosa sta succedendo in casa Brexit? A Londra è caos, Johnson con le spalle al muro. Le ultime notizie in arrivo dalla capitale britannica

Brexit: cosa sta succedendo?

Cosa sta succedendo in casa Brexit?

A Londra, dove il braccio di ferro tra Boris Johnson, il Parlamento britannico e l’Unione europea sta continuando senza sosta, si è verificato l’ennesimo cambio di rotta.

Poco prima di chiudere i battenti, Westminster ha inflitto una dura sconfitta al Primo ministro: la sua richiesta di procedere a elezioni anticipate è passata ma non ha ricevuto la maggioranza necessaria (2/3) per poter procedere all’attuazione visto che le opposizioni hanno deciso di dar vita a un’astensione di massa.

Tutto ciò ha imposto al Regno Unito e all’intera Unione europea di chiedersi che cosa accadrà adesso e in che modo si concluderà una Brexit sempre più complessa.

LEGGI ANCHE: Cos’è il no-deal?

Caos Brexit: cosa accadrà adesso?

Nella tarda serata di ieri, lunedì 9 settembre, il Primo ministro britannico ha dovuto fronteggiare una sonora sconfitta, la sesta consecutiva.

Dopo che il Parlamento ha bloccato la sua strategia sulla Brexit e si è rifiutato di concedergli le elezioni tanto desiderate, Boris Johnson si è detto pronto a lavorare con l’UE per il raggiungimento di un nuovo accordo di divorzio.

“Questo Governo spingerà per negoziare un’intesa mentre si preparerà a lasciare l’Unione europea senza di essa,”

ha tuonato il successore di Theresa May dopo il voto del Parlamento.

Quest’ultimo, tra le altre cose, è anche riuscito a far approvare la legge per rinviare la Brexit con l’obiettivo di scongiurare il tanto temuto no-deal. Il documento ha ottenuto il via libera della Regina nella giornata di ieri e pertanto è entrato ufficialmente in vigore.

Johnson ha ribadito che si recherà a Bruxelles il prossimo 17 ottobre, e lì cercherà di trovare un compromesso con il blocco a prescindere da cosa deciderà Westmister - che intanto oggi ha iniziato ufficialmente il periodo di chiusura imposto dal Governo.

Cosa aspettarsi da Johnson a Bruxelles

Ovviamente uno degli argomenti di discussione più infuocati sarà quello del backstop irlandese, lo stesso che ha a lungo impedito a Theresa May di trovare un accordo con Bruxelles e con i membri del suo stesso partito.

All’UE Johnson non chiederà alcun rinvio della Brexit: ciò significherà disobbedire alla legge ieri entrata in vigore (sul rinvio, appunto) e renderà il nuovo Primo ministro passibile di arresto per vilipendio.

A più di tre anni dallo storico referendum che ha sancito la vittoria del Leave, il destino del Regno Unito e della Brexit appare ancora incerto.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Brexit

Argomenti:

Brexit Boris Johnson

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.