Borse europee poco mosse, rally del petrolio. A2A “buy” per Goldman Sachs

Borse europea in zona neutra dopo l’apertura in rialzo sulla scia del rally in Asia e sul prezzo del petrolio. A2A “buy” per Goldman Sachs

Le borse europee hanno perso il rialzo della giornata, ora piatte dopo un’apertura positiva. Gli investitori continuano ad essere cauti durante la prima settimana di rialzi da svariate sessioni.

Le piazze europee hanno ricevuto sostegno dal rally del mercato asiatico, con il Nikkei in rialzo di oltre il 2%, anche se lo Shanghai e lo Shenzhen Composite hanno chiuso in negativo.

Al momento, la Borsa Italiana vede il Ftse Mib in rialzo dello 0.38%, il DAX segna +0.31%, il CAC francese +0.17%, l’IBEX spagnolo +0.45%.

L’unica piazza europea ad essere in negativa è Londra, con il Ftse 100 a -0.58%, sul forte rischio di un’uscita del Paese dall’UE, alimentato dalle trattative in corso tra il Primo Ministro Cameron e l’Unione.

Le borse europee, prima di virare in zona neutra, hanno registrato i rialzi massimi di due settimane grazie al rally delle borse asiatiche sulla scia del forte rialzo del prezzo del petrolio.

I verbali del FOMC della riunione della Fed di gennaio hanno mostrato che i membri della banca centrale sono seriamente preoccupati per tutti i fattori ribassisti che stanno mettendo a rischio la salute dell’economia degli Stati Uniti, incluso il rallentamento in Cina e l’alta volatilità sui mercati azionari.

Anche il rialzo del prezzo del petrolio sta sostenendo i mercati. Le quotazioni dell’oro nero sono aumentate dopo che l’Iran ha riferito di voler supportare un blocco della produzione per stabilizzare i prezzi, nonostante non abbia garantito una mossa concreta a riguardo.

Ad inizio settimana, i ministri del petrolio di Arabia Saudita e Venezuela, insieme alla Russia, si sono riuniti a Doha per concordare un congelamento della produzione di petrolio ai livelli di gennaio.
Nonostante il patto possa suggerire che il prezzo del petrolio potrebbe aver trovato una base su cui ripartire al rialzo, l’accordo è ancora ben lontano da un impegno da parte dell’Iran nel bloccare i livelli produzione.

I titoli legati al settore oil&gas sono sotto la lente degli investitori.

A2A +2.8%, promossa da Goldman Sachs

Il team di analisti di Goldman Sachs ha annunciato di aver aumentato il rating di A2A da «neutral» a «buy», anche se accompagnato da un taglio del target price da da 1,36 euro a 1,25 euro.
Ad ora il titolo oscilla introno a 1,035, dopo aver chiuso la sessione nella giornata di ieri a 0.999. Dall’inizio del 2016 A2A ha perso il 20.33%, focus sulla resistenza a 1.0189.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.