Bonus terme, 60 giorni di tempo per usarlo. Quando e come spendere lo sconto da 200 euro

Anna Maria D’Andrea

9 Novembre 2021 - 15:57

condividi

Bonus terme, si può usare lo sconto riconosciuto entro 60 giorni, e non per forza in un’unica soluzione. Facciamo il punto su quando e come utilizzare i 200 euro.

Bonus terme, 60 giorni di tempo per usarlo. Quando e come spendere lo sconto da 200 euro

Il bonus terme potrà essere speso entro 60 giorni di tempo, termine che si calcola a partire dalla data riportata nella ricevuta di avvenuta prenotazione rilasciata dall’ente termale.

Partito a singhiozzo l’8 novembre 2021, il bonus terme consente di accedere ad uno sconto pari a 200 euro sui servizi termali erogati dalle strutture accreditate tramite la piattaforma Invitalia. L’agevolazione spetta a tutti, senza requisiti particolari in merito al reddito o limiti ISEE, a patto di riuscire a prenotarsi per tempo.

Una volta effettuata la prenotazione presso uno dei centri accreditati è bene soffermarsi su come e quando spendere il voucher, ossia sulle modalità di utilizzo del bonus di 200 euro.

Ogni voucher rilasciato sarà valido per 60 giorni dalla data di emissione, ed è questo il termine entro il quale sarà necessario iniziare i trattamenti termali. Si potrà dividere lo sconto anche per più giornate e in ogni caso i servizi prescelti dovranno essere fruiti entro 45 giorni dal primo utilizzo.

Bonus terme, 60 giorni di tempo per usarlo. Quando e come spendere lo sconto da 200 euro

Ciascuna prenotazione effettuata per il bonus terme vale 60 giorni, termine che si calcola tenuto conto della data di emissione riportata nel documento rilasciato alla struttura termale prescelta una volta completata la procedura di richiesta.

Il documento di avvenuta prenotazione potrà essere inviato all’utente tramite e-mail, ovvero stampato e consegnato direttamente.

Sono queste le regole indicate dal decreto ministeriale del 1° luglio 2021, che stabilisce come utilizzare il bonus terme e illustra la procedura di richiesta dello sconto.

Rispettare la scadenza dei 60 giorni è fondamentale per non perdere il bonus di 200 euro riconosciuto. In caso contrario, la prenotazione decade e le relative risorse torneranno nella disponibilità del Fondo, al fine di consentire ad un nuovo utente di accedere alla misura.

Appare a questo punto utile evidenziare che il bonus terme non può essere richiesto direttamente dall’utente, ma sono le strutture termali accreditate a dover inserire sul portale Invitalia i dati dei clienti.

In sostanza, chi è interessato a fruire del buono da 200 euro deve rivolgersi ad una delle strutture indicate nell’elenco disponibile online, e sarà poi l’ente ad inserire la prenotazione del bonus sul portale predisposto.

Bonus terme, utilizzo entro 60 giorni, con possibilità di dividerlo in più tranche

Ai 60 giorni di tempo si affiancano gli ulteriori 45 previsti per terminare l’utilizzo del bonus terme. Non sarà infatti necessario spendere in un’unica soluzione i 200 euro spettanti ma, al contrario, si potrà decidere di avvalersi dei servizi termali prescelti anche per più giorni.

A specificarlo sono le FAQ pubblicate da Invitalia, evidenziando che il cittadino ha 60 giorni di tempo dalla data di emissione del bonus per iniziare ad utilizzarlo, e 45 giorni dall’inizio delle prestazioni per terminarle.

È quindi libera e flessibile la scelta su come utilizzare il bonus da 200 euro riconosciuto, che potrà essere speso per tutte le prestazioni erogate dagli enti termali accreditati, quali ad esempio trattamenti sanitari termali, esami diagnostici, trattamenti estetici e di benessere, fatta eccezione dei servizi di ristorazione o ospitalità.

Il buono copre il 100% della relativa spesa, fino al valore massimo di 200 euro. Se entro i termini indicati non si utilizza l’intero importo riconosciuto, le risorse tornano nella disponibilità del Fondo gestito da Invitalia, di modo da consentire ad un nuovo utente di accedervi.

Iscriviti a Money.it