Bonus famiglia 2016: assegno per il quarto figlio. Come fare?

Rosaria Vincelli

15 Febbraio 2016 - 15:46

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale le modalità di erogazione del bonus famiglie 2016 per nuclei familiari con almeno quattro figli minori. Ecco tutte le info utili per le famiglie: beneficiari, importi e requisiti.

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2016 il D.P.C.M. 24 dicembre 2015 recante, oltre alle modalità di erogazione del beneficio, anche i requisiti richiesti per accedere al bonus famiglia per i nuclei familiari con almeno quattro figli minori. Ecco tutte le info utili alle famiglie per ottenere il bonus 2016: ISEE, importi e beneficiari.

Bonus famiglia 2016: importo e modalità erogazione

Il bonus famiglia 2016 prevede l’erogazione da parte dell’INPS di un importo pari a 500 euro per nucleo, per quelle famiglie in cui il numero di figli minori sia pari o superiore a quattro e la situazione economica corrisponda a un valore ISEE non superiore a 8.500,00 euro annui.

L’INPS stabilisce l’erogazione dell’importo ai genitori beneficiari dell’assegno per i tre figli minori, adottando le modalità di accredito del medesimo assegno ed in concomitanza del primo accredito utile.

Nel caso in cui il beneficio legato alla presenza di un quarto figlio minore non sia dovuto per tutto l’anno, esso sarà erogato solo per i mesi di effettiva presenza del quarto minore e la frazione di mese sarà conteggiata come intera.

Trascorsi 90 giorni dal termine utile per la presentazione della domanda per l’assegno per i tre figli minori con riferimento al 2015, l’INPS sarà tenuto a verificare gli oneri complessivamente sostenuti e l’ammontare delle risorse residue (il quale verrà eventualmente ripartito tra tutti i beneficiari).

Il beneficiario, quindi, non sarà tenuto a presentare alcuna domanda integrativa per ottenere l’assegno per il quarto figlio, infatti sarà l’INPS che, al momento di corrispondere l’assegno per i tre figli minori, verificherà dal Sistema informativo ISEE la presenza di una corrispondente DSU da cui risulti il valore ISEE non superiore a 8.500 euro ed un nucleo familiare con almeno quattro componenti di età inferiore a 18 anni.

Bonus famiglia 2016: beneficiari

Viene riconosciuto, ai sensi dell’art. 1, comma 130, della legge n. 190 del 2014 (Legge di Stabilità 2015), un assegno erogato dall’INPS a favore di nuclei familiari composti da un numero di figli minori pari o superiore a quattro che abbiano un ISEE non superiore a 8.500 euro annui.

Come abbiamo detto in precedenza, il beneficiario non deve presentare una domanda ulteriore rispetto a quella già inviata per ottenere l’assegno per i tre figli minori, infatti la verifica verrà effettuata dall’INPS.

Nel caso di ingresso di un quarto figlio in famiglia entro il 2015, ma successivamente alla domanda di assegno per i tre figli minori, il genitore richiedente dovrà provvedere ad aggiornare la DSU entro il 31 gennaio 2016.

Nel caso, poi, di un quarto figlio con un genitore non convivente nel nucleo familiare, non coniugato con l’altro genitore e che abbia riconosciuto il figlio, l’ISEE da tenere in considerazione per ottenere il beneficio è quello corrispondente al quarto figlio calcolato secondo le modalità di cui all’art. 7 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 159 del 2013.

Argomenti

# ISEE
# INPS

Iscriviti alla newsletter