Bank of England: tassi ancora in rialzo, l’inflazione può superare l’11%

Violetta Silvestri

16 Giugno 2022 - 14:56

condividi

Nella settimana delle banche centrali, anche Bank of England prosegue con la politica monetaria restrittiva e lancia un nuovo, il quinto consecutivo, rialzo dei tassi. Con stime cupe sull’inflazione.

Bank of England: tassi ancora in rialzo, l'inflazione può superare l'11%

La Banca d’Inghilterra ha alzato i tassi di interesse di 0,25 punti percentuali e ha avvertito che l’inflazione dovrebbe salire sopra l’11% entro la fine dell’anno.

I responsabili politici guidati dal governatore Andrew Bailey hanno suggerito che potrebbero unirsi a una tendenza globale in crescita per aumenti più ampi se i prezzi al consumo continuassero a salire, affermando che “saranno particolarmente attento alle indicazioni di pressioni inflazionistiche più persistenti e, se necessario, agiranno con forza in risposta.”

La sterlina è scesa rispetto al dollaro poco dopo l’annuncio, ma ha recuperato la maggior parte delle sue perdite per scambiare sopra la soglia di $ 1,21.

Tutti i dettagli sulla decisione del 16 giugno della Banca centrale d’Inghilterra.

BoE prosegue con l’aumento dei tassi: i dettagli

Il Comitato di politica monetaria di Bank of England ha votato 6-3 per aumentare il tasso bancario di 25 punti base all′1,25%, con i tre membri dissenzienti che hanno preferito optare per un rialzo di 50 punti base all′1,5%.

In una dichiarazione è emerso che la banca “adotterà le azioni necessarie per riportare l’inflazione all’obiettivo del 2% in modo sostenibile a medio termine”, con l’entità, il ritmo e la tempistica di eventuali ulteriori aumenti a seconda delle prospettive economiche e delle pressioni inflazionistiche.

La banca ha anche alzato le sue previsioni per il picco dell’inflazione quest’anno a “leggermente sopra” l’11%, riflettendo il previsto aumento del tetto massimo del prezzo dell’energia in ottobre, e ha affermato che ora si aspetta un’economia in contrazione nel trimestre in corso.

Anche le prospettive a lungo termine sono cupe, con l’OCSE che non vede alcuna crescita nel Regno Unito il prossimo anno, la peggiore stima tra le principali nazioni.

La mossa della BoE ha suscitato disagio tra alcuni economisti e gruppi imprenditoriali, preoccupati per le prospettive incerte sulla ripresa.

“Sembrerebbe un po’ miope continuare a inseguire l’inflazione al rialzo, soprattutto se la conseguenza è il deterioramento della crescita e la minaccia di recessione, ha affermato Melissa Davies, capo economista di Redburn.

Le previsioni sulle prossime mosse BoE

Secondo l’analisi di Bloomberg Economics, anche se il rischio di recessione è elevato, la banca centrale può compiere il grande passo, alzando i tassi di 50 punti base ad agosto.

“Prevediamo quindi che i responsabili politici tornino a una mossa di 25 punti base a settembre e novembre, portando il tasso chiave al 2,25% entro la fine dell’anno.”

Gli investitori hanno alzato le loro scommesse per ulteriori aumenti dei tassi quest’anno, fissando un tasso base del 3% entro la fine dell’anno. Ciò richiederebbe probabilmente tre aumenti del tasso di mezzo punto e un ulteriore quarto di punto nelle restanti quattro riunioni di quest’anno, un ritmo di inasprimento senza precedenti.

Per ora, però, Bank of England, che è stata la prima grande banca centrale ad aumentare i tassi dopo la pandemia, si sta muovendo più lentamente di alcune delle sue pari.

Mercoledì la Federal Reserve statunitense ha alzato i tassi di interesse di 75 punti base, il più grande intervento dal 1994. Giovedì la Banca nazionale svizzera ha anche sorprendentemente aumentato i tassi di 50 punti base.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.