Banche e società industriali: ecco le big italiane

Francesca Caiazzo

24/10/2017

21/11/2017 - 11:13

condividi

Ecco la classifica delle società e della banche italiane al top secondo il rapporto di Mediobanca.

Banche e società industriali: ecco le big italiane

Conferme, escluse eccellenti e new entry. L’Ufficio studi di Mediobanca ha pubblicato l’edizione 2017 del rapporto “Le principali società italiane”.

Nella classifica delle società industriali, Enel sale al primo posto mentre fa il suo ingresso Vodafone, che scalza Pirelli, oggi al 21 posto.

Per quanto riguarda le banche, conferma la prima posizione UniCredit per totale attivo mentre Intesa Sanpaolo è al top per gli utili.

Le big industriali

Con 69,1 miliardi di fatturato, Enel raggiunge il vertice della classifica tra le società industriali. Negli ultimi due anni (2014 e 2015) la prima posizione era stata saldamente confermata da Exor - che dopo il trasferimento in Olanda è uscita dalla graduatoria – e da Eni negli undici anni precedenti.

Quest’ultima con 55,8 miliardi di fatturato si attesta in seconda posizione, a causa anche della riduzione del prezzo del petrolio. Sul gradino più basso del podio si ferma Gse con 29,3 miliardi.

A seguire, nella prima metà della classifica troviamo Fca Italy (26,2), Telecom Italia (18,7), Leonardo (12), Edizione (11,7), Edison (10,2), Saipem (10) e Luxottica (9,1). Dall’undicesima posizione in poi ci sono Poste Italiane (che con oltre 141mila dipendenti è il primo “datore di lavoro” in Italia), Ferrovie dello Stato, Esso Italiana, Prysmian, Supermarkets Italiani (Esselunga), Saras, Kuwait Petroleum Italia, Parmalat, Ge Italia e Vodafone.

Come detto, dalla classifica esce Pirelli scalzata dal 20esimo posto dalla new entry Vodafone, che ha fatto registrare un aumento delle vendite dell’1,1% sul 2015 a 6,2 mld.

Per quanto riguarda i dati sugli utili, conferma il primo posto Enel che registra -nel biennio 2015-2016 - 4.766 milioni, seguita da Snam con 2.099 milioni. Al terzo posto, il primo gruppo privato: Edizioni con un utile 1.986 milioni.

Le perdite maggiori le ha fatte registrare Eni con 10.242 milioni, Seguono Saipem con 2.893 milioni, Fca Italy con 2.717 milioni e Edison con 1.369 milioni.

Andando oltre il mero dato sul valore del fatturato, dallo rapporto dell’Ufficio studi di Mediobanca, emerge un elemento sintomatico dell’imprenditoria italiana. Sulle prime 20 società industriali, ben 15 non sono in mano ad azionisti del Paese, di queste 7 (Enel, Eni, Gse, Leonardo, Saipem, Poste Italiane e Ferrovie dello Stato) sono società pubbliche e 8 (Prysmian, Telecom, Edison, Esso, Kuwait Petroleum Italia, Parmalat, Ge Italia e Vodafone) controllate da stranieri.

Le banche al top

Il sistema bancario italiano fa registrare un attivo tangibile (dati non consolidati) di circa 2.665 miliardi, in calo rispetto al 2015 20,5 miliardi pari a - 0,8%.

Diminuiscono anche i crediti a imprese e famiglie che ammontano a 1.439 miliardi, 15,1 miliardi in meno (-1,0%) dell’anno precedente, e la raccolta da clientela che vale 1.650 miliardi ma ne ha persi 11,9 miliardi (-0,7%) sul 2015.

A guidare la classifica della banche italiane per totale attivo è UniCredit con 856,3 miliardi. Seguita da Intesa Sanpaolo con 717,7 miliardi, che però si conferma prima per utile netto con 3,1 miliardi nel 2016 e a 5,85 miliardi nel biennio 2015-2016.

Al terzo posto, con un totale attivo nettamente inferiore alle prime due, si posiziona Cdp con 357,7 miliardi che però è seconda per utile netto con 2,56 miliardi.

Seguono Mps (pronta a tornare in Borsa da domani) e Banco Popolare con un totale attivo rispettivamente di 152,8 e 115,7 miliardi. Al terzo posto per gli utili si conferma Mediobanca con 1,19 miliardi.

Sul fronte delle perdite, il colpo maggiore è stato accusato da UniCredit (-10,1 miliardi), seguita dalla Popolare Vicenza (-3,3 miliardi), Mps (-2,85), Veneto Banca (-2,4) e Banco Popolare (-1,3).

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.