BTP Futura: cos’è e perché è importante? Tutti i dettagli

Dettagli BTP Futura: cos’è il titolo dedicato ai piccoli risparmiatori? Una guida sulla cedola, sulla scadenza e su molto altro ancora

Cos’è BTP Futura, come funziona e quali i dettagli e le caratteristiche del nuovo BTP dedicato solo ed esclusivamente ai piccoli risparmiatori?

La risposta a queste e altre domande (sulla cedola, o meglio sulle cedole, sulla scadenza e sulle modalità per comprare) è stata fornita dagli ultimi comunicati stampa pubblicati dal MEF.

Il BTP Futura era stato già annunciato nell’aggiornamento delle Linee Guida per la gestione del debito pubblico 2020 di aprile. Poi, pian piano, i dettagli e le caratteristiche dello strumento sono trapelate.

Viste le peculiarità emerse, e visto che il titolo è stato dedicato solo ed esclusivamente ai piccoli risparmiatori (pubblico retail) capire come funziona, cos’è il BTP Futura e quali sono le sue caratteristiche di base (cedola, scadenza e rendimento) è risultato sin da subito qualcosa di estremamente importante. I risultati dell’emissione però non hanno lasciato osservare lo stesso entusiasmo riservato al BTP Italia.

BTP Futura: cos’è

“Sul fronte delle emissioni destinate al mercato retail, pensate per contribuire al finanziamento delle spese per l’emergenza e per il rilancio dell’economia nazionale, si conferma, come già indicato nella prima versione delle linee guida 2020, almeno una nuova emissione del BTP Italia nelle caratteristiche già note al mercato nonché il lancio di un nuovo strumento dedicato ai risparmiatori privati che potrà essere proposto in più occasioni durante il 2020.”

Con queste parole il MEF ha annunciato ad aprile non soltanto l’emissione del BTP Italia, conclusasi con risultati da record storico, ma anche il collocamento di un nuovo strumento riservato al retail.

A chi si chiede cos’è il BTP Futura potremmo dunque rispondere definendolo semplicemente un titolo di Stato destinato al pubblico dei piccoli risparmiatori (e dunque non riguardante gli istituzionali), avente alcuni dettagli in comune con il BTP Italia ma allo stesso tempo anche delle differenze sostanziali.

In pratica un nuovo strumento dedicato soltanto ad alcuni investitori, avente come obiettivo quello di contribuire al rilancio economico del Belpaese. Gli interrogativi sulla cedola, sulla scadenza e sulle modalità di acquisto di questo nuovo titolo si sono rincorsi.

Lo stesso MEF ha tentato di chiarire cos’è il BTP Futura all’interno delle FAQ pubblicate sul suo sito ufficiale:

“Sono titoli di Stato nati con l’obiettivo di supportare l’economia nazionale: i suoi proventi vengono interamente utilizzati per finanziare i provvedimenti adottati dal Governo per sostenere la crescita del Paese e affrontare l’emergenza da COVID-19. I BTP Futura sono titoli di Stato con cedole semestrali nominali e durata pari a 10 anni, pensati unicamente per le esigenze dei risparmiatori e degli investitori retail.”

Dettagli e caratteristiche del BTP Futura: cedola, scadenza e non solo

Per comprendere al meglio cos’è il BTP Futura non si può prescindere dal suo obiettivo, ossia quello di finanziare le spese legate al coronavirus e alla ripresa economica del Belpaese. In pratica, il titolo avrà lo stesso scopo del BTP Italia ma una struttura differente.

Scadenza

Esso avrà una durata decennale, come confermato dal MEF nel prospetto informativo ufficiale. Inizialmente il Tesoro aveva parlato di un range compreso tra gli 8 e i 10 anni ma nella giornata di venerdì 19 è arrivata la conferma ufficiale.

Cedole

Tra le caratteristiche del BTP Futura anche delle cedole step up, ossia cedole nominali semestrali calcolate sulla base di tassi prefissati e crescenti nel corso del tempo.

Queste saranno pagate con cadenza semestrale e il calcolo avverrà sulla base di un tasso cedolare fisso per i primi 4 anni, che aumenterà una prima volta per i successivi 3 anni e una seconda volta per gli ultimi 3 anni. tempo.I tassi minimi garantiti di questa prima edizione sono i seguenti:

  • Anni 1-4: 1,15%
  • Anni 5-7: 1,30%
  • Anni 8-10: 1,45%

Premio fedeltà

Il premio fedeltà sarà pari all’1% del capitale investito, ma potrà salire fino al 3% del capitale sottoscritto sulla base della media del tasso di crescita annuo del PIL nominale dell’Italia registrato dall’ISTAT nel periodo di vita del titolo, per chi ovviamente lo terrà fino a sua naturale scadenza.

I tempi

Il BTP Futura, ha ribadito il Tesoro, sarà proposto in più occasioni durante l’anno. Certo è che i risultati della prima emissione saranno fondamentali per sondare il terreno e per capire il reale interesse dei piccoli risparmiatori.

Questa si è tenuta tra lunedì 6 e venerdì 10 luglio, con possibilità (in questo caso non esercitata) di chiusura anticipata in caso di raggiungimento preventivo degli obiettivi di raccolta. Dopo l’estate, quando ormai sarà chiaro cos’è il BTP Futura, prenderà il via la seconda emissione.

La strategia del MEF

Il titolo, ha fatto notare il direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera:

“fa parte di una strategia di gestione del debito pubblico finalizzata a costruire un rapporto più stretto e continuativo con i risparmiatori retail”.

Questi ultimi, d’altronde, hanno in mano soltanto il 4% del debito tricolore. Una cifra piuttosto bassa se confrontata con il 10% di inizio anni Duemila.

Il BTP Futura in sintesi: 10 cose da sapere

Volendo dunque riassumere, i principali dettagli del BTP Futura sono i seguenti:

  1. interamente dedicato al retail;
  2. i suoi proventi finanzieranno la ripresa;
  3. rendimenti crescenti nel tempo;
  4. premio fedeltà legato al PIL;
  5. cedole minime a 1,15%, 1,30% e 1,45%;
  6. lotto minimo di €1.000;
  7. prima emissione dal 6 al 10 luglio;
  8. possibilità di chiusura anticipata;
  9. scadenza 10 anni;

Le date da monitorare

Come anticipato, la prima emissione del BTP Futura è stata programmata per il periodo 6-10 luglio. Numerose altre date però sono state passate al setaccio dall’intero mercato e, ovviamente, dal pubblico retail.

  • venerdì 19 giugno: comunicazione della scadenza ufficiale del titolo (comunque compresa fra 8 e 10 anni) e pubblicazione della scheda informativa;
  • venerdì 3 luglio: comunicazione sui tassi minimi garantiti;
  • venerdì 10 luglio: comunicazione cedole definitive.

Come comprare BTP Futura

Una volta capito cos’è BTP Futura, prima dell’emissione molti si sono chiesti come comprare il nuovo titolo di Stato per i piccoli risparmiatori.

A far luce sulle modalità stato lo stesso MEF, che ha confermato la possibilità di utilizzare le stesse procedure previste per il BTP Italia, dunque tramite l’ufficio postale o la propria banca di fiducia.

Inoltre, visto l’attuale periodo storico, e con l’obiettivo di favorire la massima partecipazione, è stato altresì attivato il canale online tramite cui accedere al proprio internet banking.

I dettagli e le caratteristiche del BTP Futura, dal cos’è fino ad arrivare a cedole e scadenza, hanno attirato l’attenzione dell’intero mercato dal primo all’ultimo giorno.

Iscriviti alla newsletter

1 commento

foto profilo

GAMBALUNGA • 4 mesi fa

Mah...meglio attendere maggiori notizie sui dettagli, remunerazioni, scadenze, ecc. Sembra un escamotage per nazionalizzare ancor piu’ il debito italiano, affinche’ un giorno NON lontano il governo di turno possa dire: cari connazionali, possiamo ripagare solo il 50% del debito...vi ringraziamo per la vostra comprensione e volemose tanto bene! (come peraltro fanno ripetutamente all’ INPS).

BTP Futura: cos'è e perché è importante? Tutti i dettagli

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories