Azioni Facebook: i prossimi 4 anni porteranno un profitto del 100%. Ecco perché

Matteo Bienna

11 Agosto 2016 - 17:55

Le azioni Facebook proseguono il cammino al rialzo dopo gli ottimi risultati del secondo trimestre, ma la crescita per la società guidata da Zuckerberg potrebbe essere ancora lunga.

Azioni Facebook: i prossimi 4 anni porteranno un profitto del 100%. Ecco perché

Le azioni Facebook continuano il loro rally con l’ottima performance del mese di luglio e dei primi giorni di agosto, dopo aver registrato i massimi poco sopra quota $128, sono ora a ridosso dei $125.

L’ultimo sprint è stato alimentato dagli ottimi risultati relativi al secondo trimestre, con le aspettative che sono state tutte disattese, mostrando una società in piena forma con alla guida uno Zuckerberg che sembra non perdere un colpo.

Mentre le preoccupazioni relative al prezzo del petrolio, uno dei principali market driver dell’azionario globale, coinvolgono buona parte degli operatori, il settore tecnologico procede indisturbato, con le azioni Facebook pronte a raddoppiare il loro valore da qui al 2020.

Vediamo insieme di capire il perché.

Azioni Facebook pronte al raddoppio: ecco il trend miliardario che le guiderà

Mark Zuckerberg, il CEO di Facebook, guida con invidiabile successo la crescita della sua multinazionale fina dalla nascita.

Il titolo della società ha guadagnato il +229% negli ultimi 4 anni, ovvero dall’IPO iniziale del 2012, riuscendo a rimanere sempre un’ottima soluzione di investimento lungo tutto questo periodo, e oggi ancora di più.

Dopo aver colto di sorpresa le previsioni degli analisti con i risultati dell’ultima trimestrale, nella quale dividendi e ricavi hanno abbattuto le stime del mercato, le azioni Facebook hanno ulteriormente accelerato il loro rialzo, in un percorso che vede la costante registrazione di nuovi massimi storici.

Divendi cresciuti del 94% su base annuale, ricavi in rialzo del 59%, 1,13 miliardi di utenti attivi quotidianamente e 1,69 miliardi di utenti attivi mensilmente, senza tenere conto del recente acquisto di Instagram e del successo della sua app Messenger: tutti numeri che la pongono al vertice di ogni possibile trend a Wall Street e non solo.

Le prospettive di ulteriore crescita vengono però da un’analisi parallela, relativa alla spesa per la pubblicità sui social media negli Stati Uniti.

Tra il 2013 e il 2015 questo settore, oggi più che mai rilevante, ha visto una crescita del 96%, con gli investimenti passati da $5,1 miliardi a $10 miliardi l’anno, secondo una ricerca dell’istituto Statista.

Prendendo in considerazione solo gli ultimi 12 mesi, il settore della pubblicità sui social ha portato a circa il 47% del totale dei ricavi di Facebook, pari a $22,8 miliardi.

Ma è proprio guardando al futuro che le prospettive si ampliano ancora di più.

Dalle stime effettuate, e seguendo quindi questo trend miliardario, dal 2016 al 2018 gli investimenti nel settore pubblicitario online negli USA sono destinati ad aumentare di un altro +28%.

Considerando l’influenza che oggi possiede la pubblicità online e che la principale beneficiaria è stato già dimostrato essere proprio la società di Zuckerberg, è facile immaginare come Facebook sia destinata ad accrescere ancora di più il valore del proprio titolo:

La crescita degli investimenti nella pubblicità online non potrà che ripercuotersi positivamente sulla pincipale società che guadagna in maniera diretta dal loro utilizzo e, visti i trend positivi in termini di utenti attivi e utilizzo del social, è facile immaginare che l’attuale trend rialzista sia ancora lontano dal vedere la propria fine.

La quotazione del titolo viaggia ora su una trendline inclinata positivamente e ha come ulteriore supporto la media mobile a 20 periodi. Secondo FactSet il target price rimane a $153, in ogni caso un +22% rispetto al valore di oggi.

La testata MoneyMorning invece si spinge oltre ed ipotizza un incremento di quasi il 100% da qua a 4 anni, in direzione dei $250 ad azione.

Una stima a prima vista azzardata ma molto meno coraggiosa di quanto può sembrare se la si analizza in relazione al cammino effettuato negli ultimi 4 anni (+229%) e ai fattori che giocano a favore di un’ulteriore crescita.

Fonte: MoneyMorning

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo