Assegno unico 2021: corsa al calcolo ISEE, risorse non per tutti. L’allarme dei CAF

Anna Maria D’Andrea

7 Aprile 2021 - 17:15

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Assegno unico per i figli, l’avvio dal 1° luglio 2021 fa partire la corsa al calcolo dell’ISEE, parametro fondamentale per determinare l’importo spettante. Il CAF Cia Agricoltori lancia però l’allarme: servono più risorse per i centri di assistenza fiscale, per garantire il rilascio gratuito dell’attestazione INPS a tutti i richiedenti.

Assegno unico 2021: corsa al calcolo ISEE, risorse non per tutti. L'allarme dei CAF

Assegno unico 2021, è corsa al calcolo dell’ISEE, parametro che dal 1° luglio sarà utilizzato per determinare l’importo spettante.

L’approvazione della legge delega sul riordino delle agevolazioni per le famiglie ha creato notevole curiosità tra i potenziali beneficiari, e sebbene per l’avvio dell’assegno unico per i figli siano ancora attesi i decreti attuativi, i CAF registrano già un aumento degli accessi e delle richieste della DSU ai fini ISEE.

C’è però il rischio che le attuali risorse a disposizione non bastino per garantire il rilascio gratuito dell’ISEE a tutti i richiedenti. L’allarme arriva dal Presidente Nazionale del CAF-Cia Agricoltori, Alessandro Mastrocinque.

Assegno unico 2021: corsa al calcolo ISEE, risorse non per tutti. L’allarme dei CAF

Sono almeno 12 milioni le famiglie che, nei prossimi mesi, si recheranno presso i CAF per richiedere il modello ISEE 2021.

L’assegno unico per i figli che, secondo gli annunci del Governo, dovrebbe debuttare dal 1° luglio, è soltanto l’ultima delle agevolazioni per le quali è richiesto il calcolo del valore ISEE.

Buona parte delle misure assistenziali introdotte tra il 2020 ed il 2021 sono legate alla prova dei mezzi. Dal reddito di emergenza fino allo stralcio delle cartelle, è il modello ISEE la chiave che apre le porte alle agevolazioni riconosciute dallo Stato, sia quelle introdotte per superare le difficoltà causate dalla pandemia che quelle previste a regime.

Se i CAF si sono da sempre mostrati come punto di raccordo tra Stato e cittadini, la rivoluzione dell’assegno unico per i figli dal 1° luglio 2021 confermerà la centralità del loro ruolo. Il rilascio del modello ISEE impegnerà buona parte delle risorse umane dei CAF, ma non solo.

Come noto, il calcolo ISEE da parte dei CAF è effettuato gratuitamente, grazie allo stanziamento di risorse dedicate da parte dello Stato. Un fondo che è da sempre ritenuto scarso, ma che in periodo di pandemia rischia di esaurirsi prima del previsto.

Secondo quanto dichiarato dal Presidente Nazionale CAF-Cia Agricoltori Italiani e riportato da Teleborsa, per garantire il rilascio gratuito dell’ISEE ai 12 milioni di cittadini che chiederanno il supporto dei centri di assistenza fiscale servono nuove risorse.

L’alternativa attualmente prevista rischia di alimentare “ulteriori disparità tra i cittadini”, evidenzia Mastrocinque, aspetto che mai come in questo periodo non è possibile permettersi.

La richiesta di garantire risorse sufficienti, in vista dell’avvio dell’assegno unico dal 1° luglio 2021, è stata portata all’attenzione del Ministro del Lavoro Orlando e dell’INPS.

Assegno unico 2021, perché serve il modello ISEE

Richiedere per tempo il modello ISEE sarà fondamentale per accedere all’assegno unico dal 1° luglio 2021.

Il valore ISEE è richiesto ai fini del calcolo dell’importo spettante, considerando che la legge delega prevede che l’ammontare dell’assegno venga modulato anche in base alla situazione economica del nucleo familiare, da individuare mediante il modello rilasciato dall’INPS.

La chiamata in campo del modello ISEE consentirà di garantire la progressività dell’assegno unico, così come disposto dalla legge delega.

Specifichiamo in ogni caso che ancora non sono stati definiti gli importi dell’assegno unico e gli eventuali scaglioni dell’ISEE.

Dopo l’approvazione della legge delega, il Governo è chiamato a mettere a punto specifici decreti attuativi, entro il termine di 90 giorni, che definiranno gli aspetti operativi della misura.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO