Assegno sociale e pensione di cittadinanza sono compatibili?

Lorenzo Rubini

15 Gennaio 2021 - 12:56

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi percepisce l’assegno sociale è possibile chiedere anche la pensione di cittadinanza ad integrazione del reddito?

Assegno sociale e pensione di cittadinanza sono compatibili?

L’assegno sociale è una prestazione assistenziale che viene erogata, al compimento di 67 anni a chi versa in difficoltà economiche, rientra in determinati requisti e non ha diritto alla pensione di vecchiaia per mancanza di requisito contributivo.
La pensione di cittadinanza, invece, è il sussidio parallelo al reddito di cittadinanza che spetta ai nuclei familiari in cui tutti i componenti hanno compiuto i 67 anni. Ma le due misure sono compatibili?

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Gentile consulente ,
Avrei bisogno di ricevere da Voi per cortesia alcune informazioni e delucidazioni:
1) A quanto ammonta una pensione di cittadinanza richiesta da chi è residente in Sicilia, vive in una casa in comodato gratuito da solo, è usufruttuario di un assegno sociale ed ha 75 anni. ?
2 ) A quanto ammonterebbe tale reddito se cambiasse residenza vs Bologna, a parità di condizioni ?
3 ) quanti mesi può uscire dall’ Italia per visitare la propria compagna, non ufficialmente sposata, che vive all estero e con la quale ha un figlio, che vive con la stessa, non ancora registrato a suo nome.
4 ) non avendo nessun altro reddito quanto può ricevere come regalia nel suo conto corrente ? Per non cambiare le condizioni necessarie a continuare a ricevere tale PdC? In attesa vs cortese risposta , mille grazie e distinti saluti”

Pensione di cittadinanza e assegno sociale

Per avere diritto alla Pensione di cittadinanza è necessario appartenere ad un nucleo familiare in cui tutti i componenti hanno compiuto i 67 anni, con Isee non superiore ai 9360 euro, un valore del patrimonio immobiliare non superiore a 30mila euro (escludendo la casa di abitazione) ed un patrimonio mobiliare non superiore ai 6000 euro per i nuclei familiari composti da un solo componente (che viene, poi incrementato in base al numero di componenti del nucleo familiare).

La pensione di cittadinanza per il nucleo familiare composto da una sola persona che non paga l’affitto consiste nell’integrazione del reddito mensile a 500 euro, indipendentemente dalla regione italiana in cui si vive. Nel suo caso, quindi, la pensione di cittadinanza ammonterebbe all’integrazione dell’assegno sociale a 500 euro.

Ai percettori di reddito o pensione di cittadinanza non è fatto divieto di spostarsi all’estero per brevi periodi a patto che questo non comporti un cambio di residenza (per avere il sussidio è necessaria la residenza in Italia). Le ricordo, poi, che la card del reddito di cittadinanza e di pensione di cittadinanza non può essere utilizzata all’estero ma sono in Italia.

Per quanto riguarda, poi, la sua ultima domanda sulla possibilità di regalie sul conto corrente, le ricordo che il patrimonio mobiliare (inteso come depositi, conti correnti, titoli di Stato e altri strumenti finanziari) non può superare i 6000 euro per i richiedenti soli.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories